Comunicati stampa aziendali

pubblica gratis i comunicati stampa della tua azienda. Servizio offerto da Olympos Group srl: formazione e consulenza aziendale.

lunedì 31 gennaio 2011

Presentazione Corsi Networking e Network Security - il prossimo Sabato 5 Febbraio a Padova

Presentazione Corsi Networking e Network Security - il prossimo Sabato 5 Febbraio a Padova

Presentazione Corsi Networking e Network Security - il prossimo Sabato 5 Febbraio a Padova

Gentile , sei appassionato delle reti informatiche e delle problematiche di sicurezza? Ti sei mai chiesto perchè mai frequentare un Corso sul Networking o sulla Network Security? Vorresti parlare con qualche nostro ex-studente che attualmente lavora con grande soddisfazione professionale ed economica in Italia o anche all'estero come a Londra o a Dubai? Lo sai che seguire un Corso Cisco CCNA, CCNA Security o ASA ti permette non solo di porre solide basi per poter crescere professionalmente e migliorare la tua posizione economica ma anche di poter dimostrare le tue conoscenze e competenze con una Certificazione Cisco?

Ti aspetto il prossimo Sabato 5 Febbraio alle ore 09:00 presso i nostri uffici in Viale della Navigazione Interna, 51 a Padova alla presentazione dei contenuti dei Corsi Cisco CCNA, CCNA Security e Cisco ASA. Potrai conoscere i nostri docenti e lo staff.

L'agenda dell'evento sarà la seguente:

  • ore 09:00 registrazione dei partecipanti
  • ore 09:30 presentazione "Corso Cisco CCNA"
  • ore 10:30 presentazione "Corso Cisco CCNA Security"
  • ore 11:30 presentazione "Corso Cisco ASA"

Visualizza il Calendario


L'ingresso è gratuito e colleghi di lavoro ed amici saranno i benvenuti. I posti sono limitati e andranno ad esaurimento in modalità FIFO, pertanto ti prego confermarci entro il giorno 4 Febbraio la tua partecipazione per una migliore organizzazione dell'evento stesso.

CECCARELLO Diana

Per maggiori informazioni e ricevere ASSISTENZA GRATUITA per confermare la tua presenza all'evento :

Puoi seguire anche il social networking di CNAPONLINE facendo click sui rispettivi logo:

© 2004/2010 CNAPONLINE Srl | ISSN 1826-6126 | P.IVA IT03749830273

Sul sito web del Centro Nazionale Endometriosi le informazioni sul prossimo corso di chirurgia laparoscopica ad Avellino


endometriosiDal 9 al 13 maggio 2011 è in programma presso la casa di cura “Villa dei Platani” di Avellino un importante aggiornamento professionale sulla chirurgia laparoscopica

31 gennaio 2011 – Sul sito web del Centro Nazionale Endometriosi, centro specializzato nella cura delle patologie ginecologiche e diretto dal Gruppo Malzoni, sono disponibili alcune informazioni sul corso upgrade di chirurgia laparoscopica che si svolgerà dal 9 al 13 maggio 2011 presso la casa di cura “Villa Dei Platani” ad Avellino, uno dei più importanti centri per la cura dell’endometriosi in Italia. Il corso, che sarà tenuto dal Dott. Mario Malzoni insieme ad alcuni tra i più titolati professionisti della medicina a livello internazionale, rappresenta una grande opportunità per tutti coloro che desiderano specializzarsi ulteriormente nel trattamento chirurgico delle m alattie femminili.  

Il corso di aggiornamento tratta delle principali tematiche relative alle patologie ginecologiche (tra cui l’endometriosi), con l’obiettivo di fornire ai frequentanti un bagaglio di competenze e di esperienze tali da affrontare nel modo migliore la cura delle malattie pelviche più comuni e diffuse. In particolare, il corso è rivolto ai medici ginecologi che desiderano ampliare le proprie conoscenze ed approfondire la tecnica di miomectomia con ricostruzione del viscere uterino. Un altro degli argomenti trattati sarà la gestione del decorso post-operatorio, con terapia medica per il completamento del trattamento chirurgico. I temi affrontati comprenderanno basi di elettrochirurgia, tecniche di accesso alla cavità peritoneale, isterectomia subtotale e totale, chirurgia dei difetti del pavimento pelvico. Maggiori informazioni sul programma co mpleto del corso e di tutti gli argomenti trattati sono reperibili a questo indirizzo: http://www.centronazionaleendometriosi.it/news/upgrade-in-chirurgia-laparoscopica.html.

Il corso, rivolto a 15 medici – chirurghi specializzati in ginecologia e ostetricia con alle spalle competenze già acquisite nell’ambito della laparoscopia di base, prevede una full immersion di 5 giorni durante i quali saranno compiute operazioni di chirurgia live, verranno forniti insegnamenti frontali con proiezione di filmati e saranno effettuate esercitazioni su simulatori, per una durata totale di 45 ore.

I prossimi corsi di aggiornamento professionale saranno comunicati sempre sul sito web del Centro Nazionale Endometriosi. Sono inoltre disponibili informazioni utili non solo per i professionisti del settore ma anche per i pazienti, con particolare attenzione per chi è alla ricerca di un centro endometriosi: il Gruppo Malzoni opera infatti a livello nazionale nelle sedi di Roma, Firenze, Avellino, Napoli e Salerno. Sono inoltre pubblicate notizie utili per chi necessita di informazioni sulle cure per l’endometriosi e desidera sempre essere aggiornato su questa patologia.

 

Endoscopica Malzoni
info@endoscopicamalzoni.com

Parte 'Cis Forma', progetto di formazione promosso dal gruppo CIS - Interporto Campano


distribuzione commercialeAl via il progetto di formazione destinato alle aziende che desiderano accrescere la propria competitività a livello internazionale.

28 gennaio 2011 – Il Cis di Nola, polo per la distribuzione commerciale e ingrosso più grande d’Europa, lo scorso 3 novembre 2010 è stato teatro di un importante congresso nell’ambito del quale è stato presentato il progetto “Cis Forma - Crescita, Internazionalizzazione e Sviluppo attraverso la Formazione”. L’iniziativa è stata promossa insieme a Fondimpresa, Stoà (Istituto di Studi per la Direzione e Gestione di Impresa), Form Retail e “Il Denaro”.

Il progetto è rivolto a tutte le aziende del Cis e dell’Interporto di Nola che operano attivamente e in prima linea nell’ambito della distribuzione b2b e del commercio all’ingrosso. Il piano completo delle attività è stato presentato ufficialmente nel corso del convegno del 3 novembre e prevede una serie di sessioni formative che si concluderanno nel mese di settembre 2011, per un totale di oltre 2700 ore di corso suddivise in circa 100 incontri.

Cis Forma nasce con l’obiettivo di fornire a tutte le aziende del distretto commerciale nolano un adeguato strumento di formazione, al fine di sviluppare un bagaglio di esperienze e competenze sempre più aggiornate nell’ambito della distribuzione commerciale. Da questo punto di vista, pertanto, Cis Forma va a rappresentare un laboratorio avanzato nel quale le aziende protagoniste del commercio all’ingrosso vengono dotate di tutti gli strumenti atti ad incrementare la propria competitività sul mercato, rafforzando il proprio ruolo e offrendo alla clientela prodotti di qualità e sempre più al passo con i tempi.

Hanno preso parte al convegno Giovanni Punzo, Presidente del distretto Cis – Interporto Campano; Enrico Cardillo, Direttore Generale di Stoà; il Rettore dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” prof. Massimo Marrelli; il Presidente della Camera di Commercio di Napoli Maurizio Maddaloni; il Direttore de “Il Denaro” Alfonso Ruffo.

Con questa importante iniziativa il Cis di Nola conferma ancora una volta la propria leadership nel campo della distribuzione b2b a livello internazionale, con una mission aziendale sempre più improntata a  valori cardine come formazione e aggiornamento professionale.


Cis di Nola

Ufficio Stampa

venerdì 28 gennaio 2011

Ecolamp: Lamp&RiLamp, 3a mostra polisensoriale sulla raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste





Al via la mostra itinerante 'Lamp&RiLamp'

La terza edizione della mostra polisensoriale itinerante sul corretto smaltimento delle lampadine fluorescenti esauste toccherà undici nuove città.


Partirà il 1 febbraio da Lamezia Terme la mostra polisensoriale Lamp&RiLamp 2011 promossa dal Consorzio Ecolamp, con il patrocinio del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, sulla corretta gestione delle lampade a basso consumo esauste.
Giunta alla sua terza edizione, con oltre 25.000 visitatori tra scolaresche e famiglie, il tour 2011 passerà per undici nuove piazze italiane a Lamezia Terme, Agrigento, Palermo, Cagliari, Sassari, Cuneo, Aosta, Novara, Trento, Udine e Trieste.

L'esposizione interattiva prevede il coinvolgimento diretto dei visitatori: cinque moduli illustrano la storia dell'illuminazione, i numeri, le caratteristiche e il perché della necessaria raccolta differenziata delle lampade fluorescenti esauste, ma anche le fasi successive di trattamento, che permettono di recuperare sino al 95% dei materiali e di mettere in sicurezza le sostanze pericolose, tra cui il mercurio. Alla fine del proprio ciclo di vita, infatti le lampadine fluorescenti non devono essere gettate nel sacco dei rifiuti indifferenziati o nei contenitori per il vetro.

La mostra ha come obiettivo primario, dunque, quello di informare l'opinione pubblica sull'importanza di portare le lampadine esauste integre all'isola ecologica più vicina, dove si trovano gli appositi contenitori verdi Ecolamp oppure di restituirle presso un punto vendita al momento dell'acquisto di quelle nuove, così come stabilito dal DM 'Uno contro Uno' entrato in vigore il 18 giugno 2010.

ap copia.JPG"Con il 2011, dopo il successo delle due edizioni passate, arriveremo ad toccare ben 30 città, da Nord a Sud, isole comprese - afferma Fabrizio D'Amico, Direttore Generale di Ecolamp -. La mostra Lamp&RiLamp è nata per informare e sensibilizzare i cittadini verso le nuove raccolte differenziate, che sono ormai necessarie per far fronte alla mole crescente di rifiuti elettrici ed elettronici (Raee), tra cui le lampade a basso consumo di energia. Istituzioni, aziende, consumatori, tutti abbiamo il dovere di applicare comportamenti virtuosi e avere nuova consapevolezza dei nostri doveri per salvaguardare l'ecosistema così come la salute pubblica".

L'impegno di Ecolamp nella comunicazione segue quello nelle attività operative: in poco più di due anni in Italia il Consorzio ha raccolto oltre 1.270 tonnellate di sorgenti luminose esauste da cui sono stati recuperati più di 1.100 tonnellate di vetro, 51 di plastiche, 64 di metalli e 50 di mercurio e altre sostanze tossiche sono state sottratte alla dispersione nell'ambiente.
HOME LAMP&RILAMP
CALENDARIO
SCUOLE
VIRTUAL TOUR
PHOTOGALLERY
VIDEO
EDIZIONI PASSATE
Informazioni



Comunicazione - comunicazione@ecolamp.it

Marketing & Communications Manager
Andrea PIETRAROTA
Ufficio Comunicazione
Martina CAMMARERI

Tel. 02/37052936/7 Fax 02/37052935

Ufficio Stampa - sgentile@concadelachi.com

Conca Delachi - Sara Gentile Tel. 02/48193458  


giovedì 27 gennaio 2011

Il Superconcorso con Giorgio Panariello

Partito il concorso a premi abbinato al tour di Giorgio Panariello “Panariello non esiste”. Il concorso, organizzato da Futureland.it mette in palio per ogni data esclusive magliette e incontri con l'artista.

Il concorso denominato “Superconcorso” mette in palio un pacchetto di 10.000 SMS e permette agli spettatori degli show di vincere 54 esclusive magliette ed incontrare dal vivo Giorgio Panariello.

Le modalita' di partecipazione al concorso sono due, e ad ogni modalita’ e’ abbinata una diversa tipologia di premio.

In alcune delle date del tour “Panariello non esiste” verranno distribuite cartoline “scopri e vinci” presso le location i cui si terranno gli show. Grattando le cartoline, i partecipanti potranno vincere una delle 54 magliette in palio.

Per vincere il pacchetto di 10.000 SMS sarà invece sufficiente collegarsi ad uno dei siti di Futureland.it, azienda promotrice del concorso a premi e seguire le istruzioni per partecipare all’estrazione. L'estrazione del vincitore avverra' in automatico mediante un software che assegnerà randomicamente il pacchetto di SMS in palio.

Futureland.it, azienda leader in Italia nella comunicazione strategica e nella fornitura di servizi web e mobile, si è occupata di tutte le operazioni necessarie all'attuazione del concorso a premi: dalla gestione delle pratiche burocratiche con il ministero competente, all'implementazione delle piattaforme e dei supporti di gestione delle giocate. Ha inoltre curato tutte le attività di promozione tramite banner, e-mail marketing e comunicati stampa.

Per avere maggiori dettagli, consultare il regolamento e per le informazioni sulle date degli eventi in cui ci svolgono le estrazioni visita http://futureland.it/superconcorso

Per ulteriori informazioni visita il sito http://futureland.it/

========================================================

Futureland.it cede i diritti di copyrights su questo articolo, permettendo a chiunque di utilizzarlo integralmente o parzialmente con l'unica clausola di non omettere i riferimenti: FUTURELAND.it e http://futureland.it/superconcorso .


Contatti
Dott. Lorenzo Benzoni
Futureland.it
Via Artigiani, 3
20031 Cesano Maderno (MI)
Telefono: 0362 526898
Fax: 0362 641805

Etichette: , , ,

Wind e Panariello insieme per un Concorso

Il concorso a premi accompaga Giorgio Panariello nel suo nuovo tour “Panariello non esiste”. Il concorso, organizzato da F&P Group, in partnership con Futureland.it mette in palio per ogni data una foto e un incontro con l'artista.

Il concorso a premi denominato “Wind e Panariello” permette a tutti gli spettatori degli show di partecipare all'estrazione semplicemente inviando un SMS ad un numero dedicato e seguendo le istruzioni che è possibile trovare sulle cartoline o su altre comunicazioni pubblicitarie predisposte presso le location nelle quali si terranno gli spettacoli. Il fortunato vincitore riceverà subito una fotografia dell'artista, che verrà autografata dal vivo nel corso del meet & Greet con Giorgio Panariello.

Futureland.it, azienda leader in Italia nella comunicazione strategica e nella fornitura di servizi web e mobile, come partner dell'iniziativa, si è occupata delle operazioni necessarie all'attuazione del concorso a premi: dalla gestione delle pratiche burocratiche con il ministero competente, all'implementazione delle piattaforme e dei supporti di gestione delle giocate. Ha inoltre curato tutte le attività di promozione tramite banner, e-mail marketing e comunicati stampa.

Per avere maggiori dettagli, consultare il regolamento e per le informazioni sulle date degli eventi in cui ci svolgono le estrazioni visita http://futureland.it/wind-e-panariello/


Per ulteriori informazioni visita il sito http://futureland.it/

=======================================================

Futureland.it cede i diritti di copyrights su questo articolo, permettendo a chiunque di utilizzarlo integralmente o parzialmente con l'unica clausola di non omettere i riferimenti: FUTURELAND.it e http://futureland.it/wind-e-panariello/.


Contatti
Dott. Lorenzo Benzoni
Futureland.it
Via Artigiani, 3
20031 Cesano Maderno (MI)
Telefono: 0362 526898
Fax: 0362 641805

Etichette: , , ,

I 10 CEO più potenti del Web secondo Wired

Wired Italia ha deciso di proporre l'elenco dei 10 giovani CEO più potenti e promettenti del Web che con la loro guida visionaria hanno portato al successo le rispettive aziende.

Il CEO ( chief executive officer) è un concetto utilizzato soprattutto in economia e nel giornalismo ed è la persona che ha il potere decisionale come delega da parte del consiglio di amministrazione. Nelle società più giovani il CEO è spesso lo stesso fondatore. Wired è una celebre rivista mensile leader nelle tematiche di carattere tecnologico e di come queste influenzino la cultura, l'economia, la politica e la vita quotidiana.

Ecco l'elenco dei CEO più potenti del mondo scelti da Wired Italia:

Mark Zuckerberg: Il fondatore e CEO di Facebook ha un patrimonio netto valutato in oltre 6,9 miliardi di dollari di cui condivide il 24% con la sua società Facebook Inc.

Larry Page: Con Sergey Brin è il fondatore di Google e recentemente è stato annunciato che sarà il nuovo CEO della sua creatura dopo che per 10 anni questo importantissimo ruolo è stato ricoperto da Eric Schmidt.

Gianluca Cozzolino: E' il CEO di Ciaopeople, una media company napoletana che veicola oltre 25.000.000 di pagine viste mensili e che non ha mai ricevuto finanziamenti da parte di venture capitalist.

Dick Costolo: Dopo aver ricoperto il ruolo di COO e aver ottenuto ottimi risultati, ora Dick Costolo è stato chiamato dall'amministrazione del gruppo a ricoprire la carica di CEO per monetizzare il più possibile la pubblicità sulla piattaforma.

Robin Li: E' il co-fondatore e CEO di Baidu, il più grande motore di ricerca cinese.

Michael L. Chasen: E' il fondatore il CEO della Blackboard Express, società nata nel 1997 e leader nei servizi all'educazione digitale con un capitale di mercato poco inferiore al miliardo di dollari.

Adam Norwitt: E' il CEO di Amphenol, azienda tra le maggiori produttrici al mondo di fibre ottiche per connessioni veloci e sistemi di cablaggio.

Dara Khosrowshahi: E' il CEO di Expedia, il più grande portale/motore di ricerca (booking service) di viaggi del mondo.

Michael G. Rubin: Fondatore e CEO della GSI Commerce leader nella fornitura di servizi di e-commerce è universalmente riconosciuta come l'azienda che muove il mercato del commercio online.

Massimo Banzi: E' il CEO di Tinker, la società che segue l'evoluzione del progetto Arduino, un microprocessore open source, messo gratuitamente a disposizione di chiunque lo voglia utilizzare, modificare o vendere e che, dopo la sua diffusione gratuita sul Web, ora viene utilizzato in tutto il mondo.

mercoledì 26 gennaio 2011

Bruno Editore lancia gli 'Ebooket'

La nuova collana di mini-ebook per aumentare velocità di lettura e fruibilità su dispositivi mobili

EBOOKETRoma, 25 gennaio 2010Bruno Editore, casa editrice leader dell’editoria digitale dal 2002, svela l’atteso progetto a cui da tempo si è laboriosamente dedicata: martedì 1 Febbraio saranno lanciati gli ebooket, nati da una costola dell’ebook classico, concepiti seguendo la linea direttrice di una sempre maggiore accessibilità dei contenuti proposti e di rendere maggiormente familiare la fruizione dei libri in formato digitale.

Questi ebook in miniatura manterranno le stesse caratteristiche di qualità e di tematiche formative negli ambiti di crescita personale, professionale e finanziaria, ma si distingueranno dall’ebook standard per il formato ridotto - dalle 60 alle 100 pagine - e l’accattivante grafica della copertina, caratterizzata dall’elemento distintivo di una linguetta colorata sul lato destro.

La nascita di questo nuovo segmento riflette pienamente la filosofia della Bruno Editore, consentendo alla casa editrice di muoversi in due direzioni: autori e lettori.

“Vogliamo offrire una possibilità ulteriore ai nostri autori o a chi si candida a esserlo: abbiamo puntato sul concetto di fruibilità e rapidità di veicolazione dei contenuti, ricalcando l’immediatezza e la produzione in tempo reale di informazione tipica dell’epoca tecnologica”, dichiara Giacomo Bruno, presidente della Bruno Editore”.

“Un contenuto, oggi valido, può risultare obsoleto nel lasso di brevissimo tempo - continua Giacomo Bruno - e dobbiamo comprendere che bisogna cavalcare il momento, stare sul “qui ed ora”, favoriti dagli sfreccianti e innovativi dispositivi tecnologici di lettura, da Iphone a Ipad, dagli Ebook Reader ai Tablet. Per questo abbiamo pensato di seguire questa logica ideando una nuova linea di ebook con testi ridotti e di fruibilità immediata”.

“Questo progetto soddisfa anche quei lettori che ancora non hanno confidenza con la lettura digitale - aggiunge Viviana Grunert, direttore generale - e che avranno finalmente la possibilità di accedere a questa esperienza senza troppi sforzi. Il mercato dell’editoria digitale è ancora piuttosto giovane, quindi anche i consumatori devono acquisire l’abitudine nell’utilizzo di questi nuovi strumenti di lettura”.

L’intento è quello di abbracciare quella fetta di lettori che, per motivi di tempo, non possono concedere molto tempo alla lettura e soprattutto alla propria formazione individuale. Perciò un testo ridotto che approfondisce specifici argomenti significa una maggiore diffusione della cultura formativa, a cui da sempre la Bruno Editore si è dedicata, veicolata dalle nuove potenzialità tecnologiche.

Maggiori informazioni sui siti: http://www.ebooket.it e http://www.brunoeditore.it


Bruno Editore è stata fondata nel 1987, ha sede a Roma ed è la casa editrice leader nel mercato italiano degli ebook per la formazione. Il modello Bruno Editore si fonda sul portale della casa editrice www.brunoeditore.it, tra i primi 100 siti italiani, con oltre 300.000 utenti registrati e più di 12 milioni di visitatori all'anno. La casa editrice si avvale di 2.500 affiliati che promuovono e distribuiscono gli ebook Bruno Editore, sia ebook gratis che a pagamento, esponendoli nelle vetrine di bit delle loro librerie virtuali attraverso programmi personalizzati di web marketing. Un Club che produce per autori e affiliati ricavi economici e diritti d'autore fino a 6 volte superiori rispetto alle case editrici tradizionali.

Diffusione comunicati stampa internet
Comunicati-Stampa.com / Pivari.com
fabrizio (at) pivari.com

lunedì 24 gennaio 2011

Buytop.it compie un anno!

Trasporto a soli 0,99 cent per tutto il mese di gennaio

Buytop.it compie un anno!

24 gennaio 2011 - BUYTOP, uno tra i più importanti e-commerce di vendita profumi, creme e deodoranti delle migliori marche compie un anno.

Inaugurato a metà gennaio del 2010 ha fin da subito raccolto consensi tra i "web clienti" che lo hanno così reso un affidabile riferimento di mercato.
Oltre 150 differenti brand - uomo e donna – suddivisi per "categoria prodotto" (profumi, creme, deodoranti, bagno, make-up ed accessori) - facilitando così anche il cliente meno esperto.

Roberto Cavalli, Hugo Boss, Pupa, Shiseido e Collistar sono solo alcuni tra i brand distribuiti.

Il numero verde (800.06.66.68 attivo dalle 9.00 alle 19.00) ben visibile sul sito permette di contattare facilmente e gratuitamente il nostro supporto vendite. I nostri operatori offrono tutta l'assitenza necessaria alla scelta e all'acquisto dei prodotti e nel caso possono anche raccogliere ordini telefonici.

Forti dei risultati ottenuti Buytop nel corso del primo trimestre 2011 metterà "on line" altre tipologie di prodotti quali orologi, occhiali e piccoli gioielli.

In occasione di questo anniversario per le ultime due settimane di gennaio il trasporto con corriere espresso in Italia costerà solo 0,99 cent.


Per informazioni
Alberto Fava
+39 0362 341414
info@buy.it
www.buy.it

Pubblicazione comunicati stampa internet
Comunicati-Stampa.com / Pivari.com
fabrizio (at) pivari.com

domenica 23 gennaio 2011

Sicurezza: rinnovati vertici AIIC. Sandro Bologna nuovo presidente




SICUREZZA: RINNOVATI I VERTICI AIIC,

SANDRO BOLOGNA ELETTO PRESIDENTE


Roma, gennaio '11 - Cambio al vertice dell'AIIC-Associazione Italiana esperti in Infrastrutture Critiche, a carattere tecnico-scientifico, che raccoglie i professionisti, docenti e ricercatori che si occupano della strategica protezione delle infrastrutture critiche del Paese. È stato eletto il nuovo consiglio direttivo per il prossimo triennio con la nomina a presidente del ricercatore Sandro Bologna (subentra a Salvatore Tucci), a vicepresidenti Bruno Carbone (Enav) e Silvio Fantin (GSE), segretario Roberto Setola (Università Campus Biomedico) e tesoriere Guido Pagani (Banca d'Italia). Nel nuovo direttivo siedono anche Emiliano Casalicchio (Università Roma Tor Vergata), Gregorio D'Agostino (Enea), Dario de Marchi (Acquirente Unico), Luisa Franchina (Presidenza del Consiglio dei Ministri Dip. Protezione Civile), Stefano Panzieri (Università Roma Tre), Andrea Rigoni (Poste Italiane GC-SEC Global Cyber Security Center) ed Enzo Maria Tieghi (ServiTecno).

«Il rinnovo del vertice dell'AIIC», ha detto Bologna, «avviene in un momento di crescente interesse pubblico e privato, in Italia e in Europa, per la protezione di queste infrastrutture anche per i rischi connessi alle diffuse tensioni geopolitiche internazionali e agli sviluppi della cyberwar. Per questo intendiamo contribuire in modo significativo al sostegno degli organi istituzionali nell'affrontare i problemi tecnici, scientifici e gestionali su questo fronte». Il neo presidente Bologna ha ricordato che «per infrastrutture critiche (IC) si intendono tutte le strutture essenziali per il mantenimento delle funzioni vitali della società, della governance, della salute, della sicurezza e del benessere economico e sociale di un Paese, il cui danneggiamento o distruzione avrebbero un impatto significativo, anche a causa della stretta interdipendenza creatasi ("effetto domino"). Esempi tipici di IC sono le reti di trasmissione e distribuzione dell'energia, le reti dei trasporti e le reti di telecomunicazione».

Tale protezione ha assunto notevole rilievo in Europa con l'emanazione della Direttiva Europea (2008/114/CE) che individua e designa le infrastrutture critiche europee e la valutazione della necessità di migliorarne la protezione. Proprio in questi giorni essa è stata ripresa dal Governo italiano con l'emanazione del Decreto Legislativo che recepisce e attua la Direttiva UE.

Il crescente interesse delle istituzioni è parallelo all'aumentata consapevolezza del problema da parte di tutti i gestori di Infrastrutture Critiche, continuamente chiamati a difenderle sia dagli attacchi fisici che, e sempre di più, dagli attacchi informatici, con conseguenze che possono andare ben oltre la sola infrastruttura attaccata a causa della loro stretta interdipendenza.

Esempi evidenti di interdipendenza sono l'infrastruttura ferroviaria e l'infrastruttura elettrica, esempi più subdoli sono l'infrastruttura sanitaria e l'infrastruttura dei trasporti su strada, come messo in evidenza dallo sciopero degli autotrasportatori italiani del 2009.


LA MISSIONE DELL'A I I C

Il termine Protezione Infrastrutture Critiche (PIC in italiano e CIP-Critical Infrastructure Protection in inglese) è stato usato per la prima volta alla fine degli anni '90 in una Direttiva governativa dell'allora presidente degli USA.

Lo sviluppo, la sicurezza e la qualità della vita nei paesi industrializzati dipendono dal funzionamento continuo e coordinato di un insieme di infrastrutture che, per la loro importanza e strategicità, sono definite Infrastrutture Critiche. Esse includono il sistema elettrico, le reti di comunicazione, le reti di trasporto aereo, navale, ferroviario e stradale, il sistema sanitario, i circuiti finanziari, le reti a supporto del Governo, centrale e territoriale, quelle per la gestione delle emergenze, ecc..

Per ragioni di natura economica, sociale, politica e tecnologica tali strutture sono diventate sempre più complesse e interdipendenti.

Se ciò ha consentito di migliorare la loro efficienza, la qualità dei servizi erogati e di contenerne i costi, ha tuttavia indotto vulnerabilità nuove e impreviste, compreso l'"effetto domino", che rischiano di provocare reali pericoli per lo sviluppo e il benessere sociale del Paese, anche a causa delle accresciute minacce legate sia all'estremizzazione dei fenomeni climatici, sia alla tormentata situazione socio-politica mondiale.

L'Associazione, senza fine di lucro, nasce nel 2006 su iniziativa di un gruppo di professionisti delle grandi infrastrutture nazionali, attivi non solo in aziende strategiche ma anche nella ricerca e nell'accademia, per costruire e sostenere una cultura interdisciplinare per lo sviluppo di strategie, metodologie e tecnologie in grado di gestire correttamente tali infrastrutture, specialmente in situazioni di crisi o in concomitanza con eventi eccezionali o atti terroristici.

L'AIIC si propone di condividere esperienze e conoscenze nell'ambito di queste infrastrutture e di favorire un approccio interdisciplinare e intersettoriale. Per questo riunisce accademici, studiosi della materia ed esperti nelle diverse infrastrutture critiche che hanno una visione complessiva e sono in grado di supportare concretamente istituzioni e aziende nella gestione di questo complesso dominio.

In questi anni l'AIIC ha svolto un'attività di primo piano nella diffusione di una cultura e di una consapevolezza del problema della protezione delle infrastrutture critiche e nel sostegno alle istituzioni.

www.infrastrutturecritiche.it






sabato 22 gennaio 2011

Stop alle lampade a incandescenza. Raccolta differenziata per le fluorescenti


Stop alle vecchie lampadine
Ma smaltire le fluorescenti è un rebus

Ripubblico l'articolo riportante l'intervista fattami evidenziando in rosso alcune correzioni, refusi e opportune precisazioni /integrazioni rispetto a quanto dichiarato e poi riportato. Ma ringrazio la collega Marta Serafini e la redazione del Corriere della Sera che si sono interessati alla tematica della corretta gestione delle lampade fluorescenti esauste, contribuendo così all'opportuna informazione e sensibilizzazione sull'argomento. Andrea Pietrarota



Le fluorescenti compatte permettono di risparmiare fino all'80% di energia

Entro il 2016 sostituiranno del tutto quelle tradizionali (a incandescenza e ad alogeni)

Le fluorescenti compatte permettono di risparmiare fino all'80% di energia

Le chiamano lampadine ecologiche. Sono le fluorescenti compatte che, insieme ai tubi al neon, permettono un notevole risparmio di energia - ben l'80%- e che entro il 2016 sostituiranno del tutto quelle tradizionali a incandescenza e le alogene. Per il momento basti dire che se tutte le famiglie italiane le usassero, si risparmierebbero 5,6 miliardi di kilowattora, con tre milioni di tonnellate di anidride carbonica in meno. Va fatta però attenzione al rovescio della medaglia: le fluorescenti rischiano infatti di essere tutt'altro che verdi se non sono smaltite correttamente.

SMALTIMENTO - «Usarle è un gesto di rispetto per la terra», spiega Andrea Pietrarota, responsabile comunicazione e marketing di Ecolamp. «Ma non vanno assolutamente gettate nei contenitori o campane del vetro, o nel cassonetto per i rifiuti indifferenziati come si fa con le lampadine tradizionali». Il motivo? Queste lampadine contengono da uno a cinque milligrammi di mercurio, materiale tossico se ingerito o inalato. È importante dunque che, una volta esaurite, non si rompano e se ne faccia un'adeguata raccolta differenziata. Un gesto dovuto, se si pensa che nel solo 2010 a Milano ne sono state raccolti ben 21.416 chilogrammi. Per smaltirle vale lo stesso procedimento dei rifiuti Raee (elettrici ed elettronici): basta recarsi presso i centri di raccolta Amsa (queste le isole ecologiche di Milano) o nei punti vendita di materiale elettrico ed elettronico, che praticano il ritiro uno contro uno (se compro una lampadina nuova posso restituire quella esaurita, prevede il DM 65 del 2010, entrato in vigore dallo scorso 18 giugno '10 e in progressiva attuazione da parte della grande come della piccola Distribuzione). «Stiamo promuovendo molto quest'ultima opzione attraverso mostre e campagne mediatiche», continua Pietrarota, «offrendo ai consumatori una possibilità in più e agevolando in tutti i modi i rivenditori con contenitori ad hoc e materiali informativi che spiegano perchè è necessario fare la raccolta differenziata delle lampade fluorescenti compatte».

OBBLIGHI - Difficile però convincere i negozianti che, secondo un'inchiesta di Greenpeace, sono pigri in materia e nel 51% dei casi non adempiono agli obblighi previsti dalla legge. «La raccolta presso i punti vendita presenta ancora delle difficoltà. È necessario che un addetto ritiri personalmente le lampadine dalle mani del cliente verificando che il vetro non si rompa. Non è così facile come raccogliere le pile esauste. I contenitori per le lampade devono stare in magazzino, al sicuro, per evitare comportamenti sbadati o scorretti che possano rompere le lampade.». Diverso è poi il discorso per gli elettricisti. Inoltre ad oggi. agli addetti ai lavori, poichè operatori professionali e non semplici consumatori, non è concesso il conferimento delle lampadine nei centri di raccolta comunali, nonostante siano proprio coloro che producono i maggiori quantitativi di tali materiali. Ed ecco perché il consorzio Ecolamp ha istituito per loro un servizio (Extralamp) di ritiro gratuito ogni 100 chili, dei punti di raccolta per ogni quantitativo (i Collection Point) e ha stipulato un'importante convenzione con i grossisti di materiale elettrico (l'intesa con la FME che ha dato vita agli Ecopoint). Insomma, tra difficoltà burocratiche, una scarsa cultura ambientalista, la raccolta differenziata delle fluorescenti non è ancora una pratica così semplice e di normale pratica. Milano si conferma però virtuosa in materia. «In genere, la differenziata per le lampadine funziona bene anche nei piccoli Comuni, ma in tutta la provincia abbiamo ottenuto buoni risultati, con un incremento del 39% rispetto al 2009», conclude Pietrarota.

Marta Serafini
20 gennaio 2011

Fonte: http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/energia_e_ambiente

Per maggiori informazioni suggerisco una visita al sito www.ecolamp.it





--
Postato da Andrea Pietrarota su CorrieredelWeb.it L'informazione fuori e dentro la Rete.




giovedì 20 gennaio 2011

Nel Salento, tra paesaggi incantevoli e piccoli borghi affascinanti

Il Salento, questa stupenda località turistica affermata è conosciuta ovunque , anche per quest’anno nuovo si prepara ad accogliere i numerosi che programmeranno le loro vacanze. Città artistiche e paesaggi mozzafiato: itinerari giusti ed ideali per ammirare al meglio le tante località da visitare.
Le vacanze Salento iniziano dalla piu’ ricca città del Salento: Lecce. Essa, rappresenta la patria del barocco, uno stile architettonico unico, che ha reso chiese, palazzi, piazze, rifinite nei particolari. Ne sono da esempio: la Basilica di Santa Croce, l’Episcopo, il Duomo, ecc. un itinerario attraversando un meraviglioso centro storico.



Procedendo verso l’entroterra Salentino ci si possono notare tantissimi comuni che mostrano uno scenario unico: piccoli borghi che offrono ambienti suggestivi, in particolare nei caratteristici centri medievali: case a corte, porticati, vicoli che contornano il centro di tanti incantevoli comuni.

Nulla vieta una passeggiata in riva al mare . Tratti di costa rocciosa alternata da stupende marine sabbiose mete, dove l’estate vengono aperte le porte delle numerose soluzioni di case vacanza salento a turisti provenienti da ogni luogo e città. Città inserite in riva al mare come Gallipoli ed Otranto le due perle del Salento, abbracciate da paesaggi e contesti che abbagliano il turista piu’ scettico. Località adatte da visitare anche in questi mesi freddi ed invernali.

mercoledì 19 gennaio 2011

Roma Servizi per la Mobilità comunica i servizi disponibili presso il nuovo sportello


trasporti pubblici romaSul sito web www.agenziamobilita.roma.it sono disponibili tutte le informazioni sui servizi al pubblico presso il nuovo sportello di Piazzale degli Archivi.

19 gennaio 2011Roma Servizi per la Mobilità, l’Agenzia che su incarico dell’amministrazione comunale si occupa del coordinamento e della gestione di tutti gli aspetti riguardanti il trasporto pubblico a Roma, ricorda ai cittadini della Capitale che presso il nuovo sportello al pubblico, aperto il 1 ottobre 2010 nella nuova sede di Palazzo degli Archivi (quartiere EUR), è possibile accedere a numerosi servizi relativi alla mobilità a Roma. L’Ufficio Permessi Informazioni e Servizi (PIS), che occupa una superficie di circa 1.400 metri quadrati, rilascia a chi ne fa richiesta la documentazione per i permessi Ztl Roma, per poter accedere alle zone a traffico limitato all’interno del tessuto urbano capitolino . Tra gli altri servizi erogati, inoltre, figurano il rilascio dei permessi relativi alle aree di sosta a Roma, così come quelli per le persone diversamente abili. È anche possibile ottenere informazioni sui permessi per i bus turistici a Roma, alla luce del nuovo piano pullman approvato nella parte finale del 2010. Infine, anche le officine interessate potranno richiedere l’autorizzazione per il rilascio del bollino blu Roma.
Roma Servizi per la Mobilità ricorda a tutti che il nuovo sportello al pubblico è ubicato in Piazzale degli Archivi di Stato, 40. La nuova sede operativa va ad ampliare l’offerta di servizi informativi a disposizione dell’utenza, grazie non solo ad una migliore presenza sul territorio (gli uffici sono infatti comodamente raggiungibili da ogni quartiere della città attraverso i mezzi pubblici a Roma), ma anche ad una maggiore quantità di sportelli aperti al pubblico. All’interno della sede sono inoltre presenti il Contact Center, che risponde al numero 06 57003 tutti i giorni 24 h su 24, ed il centralino del numero verde per gli utenti diversamente abili, che possono chiamare al numero telefonico 800 154 451. Lo sportello è aperto al pubblico tutti i giorni dal lunedì al venerdì , dalle 8.30 alle 16.30.
Si ricorda infine che per raggiungere gli uffici di Palazzo degli Archivi è possibile usare i seguenti mezzi di trasporto a Roma:

  • Linea B della Metropolitana: scendere alla fermata EUR Fermi e proseguire a piedi per circa 500 metri;
  • Linea B della Metropolitana: scendere alla fermata Laurentina e proseguire a piedi per circa 800 metri (in alternativa, è possibile prendere la linea bus 765 e scendere alla fermata Arte - Archivi di Stato;
  • Linee bus 703, 707, 765, 767.

Roma Servizi per la Mobilità srl

Comunicazione, Relazioni esterne e istituzionali, Marketing
UO Iniziative speciali
via Mosca 9
00142 Roma
Tel 06.4695.6643
Fax 06.46945.2035
www.agenziamobilita.roma.it

Studio su spermatozoi: “rinnoviamo la speranza”


"rinnoviamo la speranza"

Proposta e prospettive di studio sugli spermatozoi

 

Il dottor Enzo Bargellini, che ha lavorato nel settore LABORATORIO ANALISI CLINICHE presso casa di cura VILLA ASSUNTA DI RIMINI sino al 1998 e LABORATORIO OSPEDALE CERVESI DI CATTOLICA (RN) sino al 2002 e che successivamente ha svolto attività di docenza di materie tecnologiche presso scuole medie  di primo grado della provincia di Rimini, pensa di portare un contributo al miglioramento delle conoscenze sui gameti maschili nell'ottica di affiancare e rinnovare se possibile alcune tecniche nel percorso per la fecondazione assistita per, essenzialmente, migliorare lo stato dell'arte. 

Su YOUTUBE, ben noto sito che raccoglie video di ogni tipologia, da qualche giorno è visibile un breve video esplicativo dal titolo "SPERMATOZOI: il motore dei motori" 

"La migliore conoscenza della particolare tipologia di moto dei gameti maschili con la sua dimostrazione sperimentale – dichiara il dottor Bargellini – può aprire nuovi percorsi  per tecniche di analisi e di arricchimento più aderenti alla realtà scientifica e biologica". 

Le evidenze descritte, in effetti, sono ben osservabili, a tal punto che il video consiste di riprese amatoriali con l'ausilio di strumentazione di semplice livello didattico!  

"Alcune tecniche attuali di analisi sono perlomeno criticabili - continua l'autore del lavoro –  non permettendo di rilevare non solo dati affidabili, ma addirittura di scarso valore scientifico in quanto strutturate in modo da letteralmente ostacolare il naturale sviluppo del movimento dei gameti". 

Un movimento che all'autore piace definire "a creatore" in analogia al settore della meccanica industriale. 

Dai fatti esposti si evince che alcuni protocolli riportati anche nel manuale OMS EDIZIONE 2010, sono chiaramente discutibili in relazione alla validità scientifica e, soprattutto, alla utilità reale nella pratica.

In questo tempo dove migliaia di coppie in difficoltà a procreare nutrono la speranza di poter contare sulle conoscenza scientifiche, minimizzando rischi e stress per riuscire a coronare il loro sogno laddove la natura pone difficoltà, la proposta in oggetto va doverosamente affrontata ed approfondita. 

Si auspica dunque che le sedi interessate si attivino e che questo piccolo contributo possa divenire un piccolo grande tassello del progresso scientifico per il  miglioramento delle tecniche applicate alla fisiopatologia della riproduzione umana. 

Link su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=NuqntL-GPk0  

Santarcangelo di Romagna (RN), 19 gennaio 2011 

Dr. Enzo Bargellini  - Via Resistenza, 13 – 47822 Santarcangelo di Romagna (RN)

e-mail: e.bargellini@libero.it 

San Valentino: dillo con una Lovestone

Grazie all’iniziativa del Teatro Stabile di Verona è possibile incidere il proprio amore in modo indelebile sulla Terrazza affacciata sul cortile di Giulietta. Ma per la festa di San Valentino, la città degli innamorati offre ai suoi ospiti anche i molti eventi romantici di “Verona in love”.

Il Teatro Stabile di Verona ha dato vita ad un’originale progetto: le coppie di tutto il mondo possono lasciare un segno incancellabile del proprio amore sulla Terrazza degli Innamorati. Ognuna delle 60.000 tessere della sua pavimentazione può essere infatti incisa a laser tramite richiesta sia in sede che sul sito www.lovestone.it. L’acquisto è seguito da certificato numerato e coordinate (nome del quadrante e numero).

La Terrazza, meta di oltre 2.000.000 di visitatori all’anno, è ormai diventata luogo di culto della passione. Così come l’intera Verona, città di Giulietta e Romeo, che in occasione di San Valentino anche quest’anno accoglie i suoi ospiti con le iniziative romantiche di “Verona in love”.

Per tutta la settimana che porta al 14 febbraio, infatti, le vie del centro saranno addobbate di cuori rossi e a tutte le coppie presenti sarà possibile partecipare a numerosi appuntamenti di gastronomia, musica e intrattenimento.

Come Un Cuore di Baci, previsto per le 17,30 del 14 febbraio, in cui gli innamorati potranno entrare nel grande cuore di Piazza dei Signori per sigillare il loro amore con un bacio lungo un minuto. L’evento sarà immortalato con una foto dall'alto della Torre dei Lamberti. Ci sarà inoltre uno spazio per la degustazione e vendita di prodotti gastronomici ed artistici.

Per San Valentino 2011, quindi, non c’è festeggiamento migliore di “Verona in love” né regalo più originale e duraturo di Lovestone.

Per ulteriori informazioni rivolgersi a:
Lovestone Shop
tel. 0039 0458015196 - fax. 0458031216
info@lovestone.it
www.lovestone.it

lunedì 17 gennaio 2011

Atempo Digital Archive HSM Edition ti aiuta a conservare i dati digitali a lungo termine

Atempo Digital Archive è lo strumento ideale per fronteggiare le sfide crescenti della gestione dello storage e della conservazione a lungo termine dei dati digitali, contenendo al minimo i costi

Atempo Digital ArchiveLa quantità crescente di informazioni digitali in circolazione sulla rete è la vera sfida quotidiana per i manager dell'IT. Fino a poco tempo fa l'aumento dei volumi di archiviazione era sinonimo di costi sempre maggiori. La crescita esponenziale dei contenuti digitali complessi obbligava le aziende ad acquistare e gestire costosi dispositivi di archiviazione ad alte prestazioni. Oggi, gestire la crescita dei volumi di dati digitali e allo stesso tempo rendere questi dati disponibili a lungo termine contenendo al minimo i costi di archiviazione è possibile grazie ad Atempo Digit al Archive - HSM Edition, un software di gestione gerarchica per lo storage che permette alle aziende di risparmiare significativamente sui costi della crescita dei loro dati digitali garantendo al contempo un archiving dei file sicuro e a lungo termine.

Realizzato su un'architettura aperta, che lo rende facilmente integrabile nell'infrastruttura di archiviazione già esistente, Atempo Digital Archive, in base a parametri impostati dagli amministratori - quali l'età del file, l'ultima data di accesso, e il tipo di file - identifica i dati statici utilizzati di rado e pronti per l'archiviazione e li sposta automaticamente da supporti ad alte prestazioni a piattaforme di archiviazione secondarie più economiche, come nastri, dischi a basso costo, cloud storage o MAID. In tal modo, i costi di memorizzazione vengono ridotti, i tempi di backup si abbreviano e le prestazioni sui dispositivi di archiviazione primari vengono mantenute, garantendo al contempo che i dati siano accessibili quando necessario. Grazie ad un'indicizzazione full content, ricerca e indicizzazione dei metadata, Atempo Digital Archive permette agli utenti e agli amministrator i di recuperare facilmente e in modo rapido le informazioni di cui necessitano. Destinato in particolare a soddisfare le esigenze più complesse delle aziende data-intensive, Atempo Digital Archive fornisce una soluzione al di sopra di quelle che sono le potenzialità di altri prodotti per l'archiviazione dei file essendo caratterizzato da un livello di flessibilità e controllo straordinari a vantaggio degli amministratori IT.

TRACCIABILITA' COMPLETA PER UN RECUPERO DIRETTO - Atempo Digital Archive integra capacità HSM che consentono l'archiving automatico dei dati su supporti di archiviazione a lungo termine in base a criteri stabiliti dagli amministratori, quali data di creazione dei file o data di ultimo accesso. Sul supporto di archiviazione originale resta un link che agisce da puntatore verso il file spostato, consentendo un facile e trasparente recupero dei dati da parte dell'utente o eventuale applicazione.

RICERCA E RECUPERO DI METADATI - Atempo Digital Archive consente la ricerca e il recupero di file in base a metadati. Questi contengono proprietà inerenti ai file, quali nome, proprietario e tipo, oltre che parole chiave basate sulle policy, assegnate agli archivi in base alla funzione.

ORGANIZZAZIONE DI ARCHIVI FLESSIBILE - Con Atempo Digital Archive è possibile archiviare i dati in cartelle personali o condivise. Gli amministratori assegnano i privilegi di accesso secondo le proprie politiche aziendali e possono facilmente concedere o limitare l'accesso a un archivio specifico.

AMMINISTRAZIONE CENTRALE - Atempo Digital Archive può essere configurato e gestito centralmente consentendo lo spostamento di dati da file-server e dispositivi di archiviazione primari verso innumerevoli dispositivi di archiviazione secondari in rete. La console centralizzata di Atempo Digital Archive permette agli amministratori di impostare regole e politiche di archiviazione, di amministrare i diritti di accesso degli utenti e di impostare le politiche di mantenimento basate sulla tipologia del dato.

SCALABILITA' E PRESTAZIONI - Realizzato su una piattaforma robusta e collaudata, Atempo Digital Archive offre un'enorme scalabilità, consentendo alle aziende di gestire facilmente terabytes di informazioni archiviate.

DE-DUPLICAZIONE DEI FILE - Atempo Digital Archive offre capacità di archiviazione di singola istanza, assicurando in tal modo che i dati digitali ridondanti non vengano memorizzati nei supporti di archiviazione, riducendo lo spazio di storage e rendendo più efficiente il processo di archiviazione.

INTERFACCIA USER-FRIENDLY - In alternativa all'archiviazione automatica, l'archiving dei dati può essere effettuato manualmente dall'utente finale mediante un'interfaccia semplificata completamente integrata nel desktop che rende facile anche per gli utenti meno esperti archiviare e recuperare i dati, semplicemente eseguendo un "drag and drop" dei file negli archivi pre-definiti.

SUPPORTO DI PIATTAFORME - Atempo Digital Archive supporta diverse piattaforme di archiviazione primaria (Microsoft Windows, Mac OS, Linux, UNIX, NAS) ed è inoltre l'unica soluzione per l'archiviazione presente sul mercato a supportare il "cloud storage", consentendo alle organizzazioni di migrare i dati senza acquistare o mantenere hardware di archiviazione per il proprio archivio.

***

ATEMPO - L'informazione digitale rappresenta oggi la linfa vitale di ogni impresa, ed è necessario renderla accessibile per generazioni. Atempo permette ad aziende ed organizzazioni nel mondo di conservare i propri patrimoni intellettuali e informazioni digitali e di accedere a tali informazioni in qualsiasi momento con assoluta affidabilita' offrendo loro soluzioni altamente scalabili di backup, protezione, recupero dati e archiving compatibili Windows, Mac, Linux UNIX, iSeries e i maggiori database e applicazioni. Il portafoglio di soluzioni software integrate di Atempo semplifica la gestione dei dati per tutto il loro ciclo vitale consentendo alle aziende di proteggere, gestire, archiviare e recuperare informazioni digitali in modo semplice ed efficace, su qualsiasi infrastruttura, qualsiasi piattaforma, qualsiasi periodo di tempo. Atempo serve migliaia di clienti nel mondo attraverso una rete di vendita e supporto di oltre 200 rivenditori e partner globali.

ON AIR gli spot di Ecolamp

ON AIR gli spot di Ecolamp



Con il nuovo anno, la campagna radiofonica del Consorzio Ecolamp riparte!

Oggi, i nostri spot sono nuovamente on air sulle radio nazionali e ve li facciamo ascoltare sul nostro tumblr:

- L'esaurita

- La partita di pallone

- Il film

Tornate a dirci qual è il vosto preferito.

Qual è lo spot che vi piace di più? Perchè?

V'invitiamo a commentare, a esprimere il vostro parere, a valutare l'efficacia degli spot. 

Diteci tutto quello che pensate. Per noi è importante, perchè solo in questo modo possiamo migliorare la nostra mission e rafforzare il nostro impegno per l'ambiente.

Aspettiamo tutti i vostri commenti, le vostre opinioni e i vostri suggerimenti.

Non solo qui, ma anche su twitter e facebook!

Scriveteci i vostri commenti sul blog easyEcolamp.it!

Network Security e Tecnologie per la Sicurezza Informatica - due SEMINARI GRATUITI il prossimo Giovedi' 20 Gennaio a Padova

Network Security e Tecnologie per la Sicurezza Informatica - due SEMINARI GRATUITI il prossimo Giovedi' 20 Gennaio a Padova

Seminari CNAPONLINE GRATUITI

Gentile , il prossimo Giovedì 20 Gennaio alle ore 18:00 presso i nostri uffici in Viale della Navigazione Interna, 51 a Padova sei invitato a partecipare al seguente SEMINARI GRATUITI al termine dei quali riceverai il relativo Attestato di Partecipazione. Colleghi di lavoro ed amici saranno i benvenuti.

Potrete seguire insieme questi aggiornamenti in maniera tale da ottenere approfondimenti di conoscenza o suscitare nuove curiosità e domande.

L'agenda dell'evento sarà la seguente:

  • ore 18:00 registrazione dei partecipanti
  • ore 18:30 seminario "La Network Security è un processo che si raggiunge per Step"
  • ore 19:00 seminario "Tecnologie per la Sicurezza Informatica: Cisco ASA series 5500 Adaptive Security Appliances (ASA)"
  • ore 19:30 brindisi e consegna attestati

Visualizza il Calendario


L'ingresso è gratuito e colleghi di lavoro ed amici saranno i benvenuti. I posti sono limitati e andranno ad esaurimento in modalità FIFO, pertanto ti prego confermarci entro il giorno 19 Gennaio la tua partecipazione per una migliore organizzazione dell'evento stesso. Non sarà possibile entrare dopo la fase di registrazione dei partecipanti e una volta iniziati i seminari. Pertanto ti ricordiamo la massima puntualità.
CECCARELLO Diana

Per maggiori informazioni e ricevere ASSISTENZA GRATUITA per confermare la tua presenza all'evento :

Puoi seguire anche il social networking di CNAPONLINE facendo click sui rispettivi logo:

© 2004/2010 CNAPONLINE Srl | ISSN 1826-6126 | P.IVA IT03749830273

venerdì 14 gennaio 2011

Ebook: Accordo Apple - Bruno Editore per iBookStore

I titoli già disponibili nella libreria online di Apple, precedendo il lancio dello store italiano

EBOOKRoma, 14 Gennaio 2011 – Colpo di inizio anno per Bruno Editore, casa editrice romana leader nell’editoria digitale, che precorre di diversi mesi il lancio ufficiale dello store italiano di Apple dedicato agli ebook.

Annuncia, infatti, l’approdo con 100 titoli in formato epub su iBookStore, piattaforma per la distribuzione di libri in formato digitale da leggere su iPad e iPhone, grazie ad un accordo siglato con Apple.

Finalmente gli ebook dedicati alla formazione nell’ambito della crescita personale, professionale e finanziaria, sbarcano nel famoso negozio online.

La possibilità di leggere libri e, soprattutto, di poterli acquistare direttamente dal tablet tramite iBookStore, è una rivoluzione che Giacomo Bruno, Presidente della Bruno Editore, ha voluto condurre, confermando il talento di innestare sempre, con determinante lungimiranza, i semi dell’innovazione.

“Questa vetrina di contenuti, rappresentata da Apple, significa una visibilità esponenziale per i nostri ebook - dichiara Giacomo Bruno - aprendoci scenari a livello internazionale e offrendo una reciproca e proficua possibilità: il nostro catalogo di testi digitali di nicchia amplia e diversifica anche l’offerta che Apple proporrà al mercato italiano”.

“Stiamo praticando strategie di marketing vincenti - aggiunge Viviana Grunert, direttore generale – in cui crediamo davvero. Investiamo molto e pratichiamo tutte le vie che l’editoria digitale e le sue innumerevoli potenzialità ci pone innanzi con enorme successo, raggiungendo dei livelli elevati che pongono la nostra casa editrice ai vertici del mercato digitale, soprattutto nel nostro appannaggio specifico, quello della formazione”.

Bruno Editore è da oggi presente in tutti i sei mercati dell’iBookStore: USA, Canada, UK, Australia, Francia e Germania. Pertanto, al momento del lancio dello store italiano di Apple, avrà già acquisito da tempo la collocazione del proprio catalogo.


Bruno Editore è stata fondata nel 1987, ha sede a Roma ed è la casa editrice leader nel mercato italiano degli ebook per la formazione. Il modello Bruno Editore si fonda sul portale della casa editrice www.brunoeditore.it, tra i primi 100 siti italiani, con oltre 300.000 utenti registrati e più di 12 milioni di visitatori all'anno. La casa editrice si avvale di 2.500 affiliati che promuovono e distribuiscono gli ebook Bruno Editore, sia ebook gratis che a pagamento, esponendoli nelle vetrine di bit delle loro librerie virtuali attraverso programmi personalizzati di web marketing. Un Club che produce per autori e affiliati ricavi economici e diritti d'autore fino a 6 volte superiori rispetto alle case editrici tradizionali.

Distribuzione comunicati stampa internet
Comunicati-Stampa.com / Pivari.com
fabrizio (at) pivari.com

martedì 11 gennaio 2011

Simco: online i corsi di formazione logistica per il 2011


consulenza logisticaSimco, società di consulenza e formazione logistica, presenta i corsi di formazione logistica del 2011. Il catalogo è reperibile online su simcoconsulting.it.

11 gennaio 2011 - Simco è una delle più importanti società italiane di consulenza logistica e formazione. Nasce nel 1981 e ad oggi conta più di 400 aziende Clienti di diverse dimensioni e settori merceologici. Scopo della società è riuscire a coniugare competenze e tecnologie al fine di analizzare e migliorare i processi di lavoro.  
Simco ritiene che una formazione appropriata e costantemente aggiornata sia indispensabile vista la continua evoluzione del mercato del lavoro. Per questa ragione Simco ogni anno propone diversi corsi sui temi della logistica. Ogni corso è legato ad un argomento specifico che può riguardare la gestione scorte, il supply chain management, la logistica magazzino, la consulenza trasporti e molto altro. Sul sito web di Simco è possibile trovare informazioni dettagliate su ogni corso: la presentazione, gli obiettivi che si intendono raggiungere, a chi è rivolto, i costi e la durata del corso stesso.
Dal 2011, inoltre, partiranno i nuovi corsi di formazione acquisti tra cui: “riorganizzare la funzione acquisti”, “gli aspetti legali connessi agli acquisti”, “la trattativa d’acquisto”, “il buyer efficace” e altri ancora. L’elenco completo dei corsi di formazione logistica 2011 di Simco è disponibile su http://www.simcoconsulting.it/
Uno dei punti di forza della formazione logistica Simco risiede nei suoi Docenti: Senior Consultant di Simco che, tramite adeguati modelli didattici (analisi di casi concreti, discussione in aula, lavoro di gruppo, simulazioni),  portano all’acquisizione di nuove competenze e capacità
Simco propone anche alcuni workshop,di una giornata,  in cui vengono discussi casi aziendali applicati al tema in discussione. Tra i workshop del 2011: “come stanno le vostre scorte?” ,sul tema della gestione scorte, in cui saranno affrontati i casi di un importante distributore farmaceutico e di un’azienda leader nel settore di articoli per la casa; e “l’automazione del magazzino, quando conviene?”  in cui si tratteranno i criteri e le tecnologie per migliorare le prestazioni trattando come casi aziendali Volkswagen e Ponti.
Iscrivendosi a più corsi e/o attraverso il sito www.simcoconsulting.it sarà possibile usufruire di sconti fino al 20%.
Gli uffici di Simco si trovano a Milano, in via Durando 38 all’interno del Centro Polifunzionale Bovisa Politecnico Milano (Pal. 3).