Comunicati stampa aziendali

pubblica gratis i comunicati stampa della tua azienda. Servizio offerto da Olympos Group srl: formazione e consulenza aziendale.

venerdì 29 luglio 2011

Forum Free Consult: Digital Divide italiano

Milano, 29 Luglio 2011 - Si è tenuta la sedicesima convention semestrale della Free Consult, l'associazione dei consulenti free lance. Nel corso dell'evento, si è svolto il forum "Digital Divide in Italia", che ha visto la partecipazione, come special guest estero, di Bernhard Meier, esperto tedesco di information technology. I lavori del forum sono stati preceduti dalla consueta elezione biennale che ha visto confermata a larga maggioranza la presidenza di Marco Mancinelli. Il dibattito su "Digital Divide in Italia" ha focalizzato l'attenzione degli associati presenti sul ritardo italiano relativo alla diffusione della banda larga. I vari interventi hanno sottolineato l'assoluta urgenza di poter usufruire di una rete telematica in grado di consentire una migliore connessione on line volta a rendere più veloce la trasmissione dei dati in un'ottica maggiormente competitiva rispetto a quella attuale. Bernhard Meier ha affermato che "la logica prevalente dello scenario attuale e futuro dell'information technology non potrà che essere orientata verso una consistente estensione dell'utilizzo telematico verso lo sviluppo di nuovi servizi specializzati, il cui nucleo centrale si baserà sulla capacità di velocizzare le caratteristiche tecniche di connessione alla grande rete, arricchindone la qualità stessa". Inoltre, ha aggiunto che "se si parla di Europa come blocco economico, occorre guardare anche alla crescente capacità tecnologica che si fa sempre più evidente nei Paesi asiatici". Il Presidente Free Consult, Marco Mancinelli, dopo aver presentato e moderato i lavori del forum, ha sottolineato: "l'Italia soffre di un grave e preoccupante ritardo sul versante della banda larga e ciò è quanto meno un fatto curioso, dal momento che, da più parti, si parla della reale necessità di dotare il Sistema Italia di appositi e ulteriori plus competitivi. Sarebbe il caso, una buona volta, che la classe dirigente di questo Paese si occupasse di un tema serio come quello del divario digitale italiano, sempre che si abbiano davvero a cuore le sorti e le aspettive future relative alla nostra competitività tecnologica e complessiva".
La prossima convention dell'associazione è prevista per il Dicembre 2011.



Francesca Ross
Free Consult Press Office
francy.rosset@gmail.com

giovedì 28 luglio 2011

Laguna Seca: Bridgestone Moto rivive il Gran Premio degli Stati Uniti 2011

laguna seca27 luglio 2011 – Bridgestone Moto, fornitore ufficiale di pneumatici moto per la MotoGp, riporta le fasi salienti del Gran Premio degli Stati Uniti, che si è corso il 24 luglio 2011 sul tracciato di Laguna Seca, in California. La gara, che rappresenta il decimo appuntamento stagionale, ha visto trionfare Casey Stoner, il pilota australiano che corre per la Honda Repsol.

La vittoria è arrivata al termine di una gara davvero entusiasmante, che ha appassionato sin dalle primissime battute i numerosi spettatori presenti sugli spalti. Stoner, che per l'occasione ha utilizzato pneumatici moto slick con mescola più dura, ha dovuto inizialmente contendersi il primato con Jorge Lorenzo e Dani Pedrosa, riuscendo a passare al comando della gara soltanto al 27esimo giro. La strategia del pilota australiano, quella cioè di mantenersi sempre attaccato al gruppo di testa per poi sferrare l'attacco decisivo nel finale, si è dunque rivelata vincente.
Anche gli altri due piloti che sono saliti sul podio hanno optato per gomme moto con mescola dura sia per il pneumatico anteriore che per quello posteriore. Questa scelta ha consentito ai concorrenti di ottenere buone prestazioni sul rovente asfalto di Laguna Seca, che per larghi tratti ha toccato la temperatura di 46 gradi.

Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport, si complimenta con Casey Stoner per la prestigiosa vittoria, che va a bissare quella ottenuta dal pilota australiano nel 2007 sempre sul tracciato di Laguna Seca. Viene inoltre sottolineato il crescente livello di interesse del pubblico americano nei confronti della MotoGp, testimoniato dal record di presenze fatto registrare durante il weekend di gara.

Hirohide Hamashima, Assistente del Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorpsort, evidenzia lo straordinario contributo offerto dai pneumatici moto a mescola dura utilizzati da Stoner, decisivi ai fini della vittoria finale, ottenuta grazie a un ritmo di gara davvero impressionante. Ancora una volta, infatti, questa tipologia di pneumatici è stata in grado di resistere nel migliore dei modi al riscaldamento della pista, consentendo così ai piloti in gara di ottenere performance di altissimo livello. 

Bridgestone Moto

Ecolamp operazione a premi "Portaci un collega e ricevi un tablet" destinata a tutti gli installatori già iscritti al programma Extralamp


 

Ecolamp lancia l'operazione a premi "Portaci un collega e ricevi un tablet" destinata a tutti gli installatori già iscritti al programma Extralamp

 


 

 

Milano, 28 luglio 2011 – Ecolamp, il Consorzio nazionale per il recupero e il trattamento di apparecchiature di illuminazione, presenta l'operazione "Portaci un collega e ricevi un tablet" destinata a tutti i soggetti aderenti al programma Extralamp in qualità di installatori di illuminotecnica.

 

Extralamp è il servizio completamente gratuito attraverso il quale il Consorzio Ecolamp assicura a tutti gli installatori di illuminotecnica il ritiro delle sorgenti luminose esauste (lampade a basso consumo e tubi lineari) a domicilio per un quantitativo minimo di 100 chilogrammi.

 

L'operazione partirà il 1° agosto 2011 e si concluderà il 31 dicembre 2011. Requisito essenziale per poter ricevere un tablet Android di nuovissima generazione è quello di presentare al Consorzio un altro installatore avente le caratteristiche per aderire a Extralamp e per effettuare un ritiro di almeno 100 chilogrammi di lampade esauste.

 

La promozione di Ecolamp è l'ultima di numerose iniziative destinate al mondo degli elettricisti per agevolarli nella corretta gestione delle sorgenti luminose esauste nel rispetto della normativa RAEE vigente.

 

Ecolamp è da sempre attento ai professionisti dell'illuminotecnica, che, con la loro attività, rappresentano i maggiori produttori del rifiuto "lampade fluorescenti esauste".

 

I dati di raccolta del Consorzio, infatti, rilevano che proprio quasi il 60 per cento delle sorgenti luminose a fine vita proviene dai canali dedicati al mondo professionale: Extralamp, Collection Point ed Ecopoint.

 

Solo quest'anno, grazie alla fondamentale collaborazione degli installatori, a fine luglio sono state raccolte 469 tonnellate su un totale complessivo di 801 tonnellate di lampade esauste.

 

Regolamento completo di "Portaci un collega e ricevi un tablet": www.ecolamp.it/extralamp/incentive

 

Tra i propri soci fondatori Ecolamp annovera le maggiori aziende, nazionali e internazionali, del settore illuminotecnico, che operano nel mercato italiano: Philips, Osram, General Electric, La Filometallica, Leuci e Sylvania, cui si sono aggiunte altre delle più rappresentative imprese del settore. Al Consorzio aderiscono più di 140 produttori di apparecchiature d'illuminazione.

Dalla fine del 2008 ad oggi Ecolamp ha già raccolto e avviato al riciclo oltre 3.000 tonnellate di lampadine a basso consumo e tubi fluorescenti esausti.

 

Area Stampa (disponibili foto e filmati in alta risoluzione): www.ecolamp.it/comunicazione

 

 

Ufficio Stampa Ecolamp: Conca Delachi – Desirée Ferrari Tel. 02/48193458 dferrari@concadelachi.com

Marketing & Comunicazione Ecolamp:

Martina Cammareri, Tel. 02/37052936-7 cammareri@ecolamp.it

Andrea Pietrarota, Cell. 348/5988469 pietrarota@ecolamp.it

 


mercoledì 27 luglio 2011

Nola. Il Binario: viaggio nel territorio e nel buon vivere




RITORNA IL BINARIO …. IN VIAGGIO NEL TERRITORIO E NEL BUON VIVERE

Dal 6 al 9 ottobre a Vulcano Buono – NOLA

L'obiettivo dell'Associazione Ambiente in Club di offrire un palcoscenico al territorio e interagire con lo stesso attraverso un percorso formativo, comunicativo, partecipativo è risultato il mix vincente che non si deteriora nel tempo.

Il Binario 2010 ha affermato il consolidamento dell'evento, il consenso e l'approvazione dei partecipanti ai temi trattatati e alla loro elaborazione propositiva.

Aver coinvolto, alla mattina le scuole in percorsi educativi, le scuole d'arte e gli artisti con ARTECOLOGICA, il pomeriggio e alla sera le scuole di danza della provincia e i cittadini oltre ai concorsi indetti ha fatto del Binario 2010 "L'EVENTO" carico di contenuti e veicolo di messaggi.

La semplice esposizione e partecipazione del territorio e delle sue espressioni ha sviluppato il naturale apprendimento sull'importanza di sentire , agire affinché i messaggi trasmessi diventino patrimonio personale di ogni cittadino.

Il Binario 2010 ha affermato come l'ambiente, il territorio, l'arte e la danza possano trasmette un unico impegno e come esprima attraverso una partecipazione convinta il divenire patrimonio personale di ogni partecipante .

Il Binario 2010 ha affermato una attenzione alle proposte tematiche inaspettate, negli anni, ma ha anche chiesto di esserci nel 2011 per riaffermare le attività, introdurre nuove proposte e sviluppare il progetto educativo per le nuove generazioni e non solo.

La crescita della manifestazione negli anni si è formata attraverso i concorsi attuati e ha sviluppato in termini di presenza a Vulcano Buono un percorso che ha impegnato nella sua evoluzione culturale temporale una di " variegate nicchie" di interessati.

Nel rispondere alle richieste e nel creare l'edizione 2011 l'Associazione Ambiente in Club vuole rimarcare le tematiche intervenute negli anni introducendo come elemento diversificante "un nuovo sguardo" sulle tematiche da riaffermare e nell'inserimento e nell'offerta ai partecipanti di nuovi orizzonti delle novità intervenute, gli sviluppi realizzati, le necessità ancora presenti.

Il tavolo di lavoro operativo nella stesura del progetto Binario 2011 ha raccolto come punto di partenza il contributo dell'On Paolo Russo, Presidente Onorario di Ambiente in Club per l'edizione 2011 del Binario, "vuole e deve essere ancor più una proposta e una crescita culturale del territorio . Costruire questo percorso è realizzare un'impalcatura scenografica e di contenuti che nelle varie articolazioni proposte arrivino alla società civile aprendo una finestra di interesse che stimoli sensibilità, tensioni, vivacità e passioni nell'acquisire la storia di questi luoghi, la cultura, i suoi prodotti, le sue forme artistiche."

Il Binario 2011 è e dovrà essere per Daniele Baronio, Presidente di Ambiente in Club, anche "la parte attiva di un connubio territorio -nazione che si vuole esprimere e rappresentare non solo guardando ad un punto focale dell' evento, che è il territorio dove si realizza, ma creando uno spazio di respiro nazionale sottolineato da questa edizione nell'anno delle celebrazioni del 150° dell' Unità d'Italia".

Si vuole in tal senso riaprire, come nelle edizioni precedenti, un connubio tra ciò che c'è a livello nazionale (attività, leggi, esperienze, laboratori) e i Comuni del territorio al fine di esprimere e far conoscere agli studenti campani le eccellenze territoriali, culturali, ambientali per diventarne i primi consumatori e i primi patrocinatori del buon comportamento ambientale e delle eccellenze del territorio nei variegati percorsi di crescita che ogni studente avrà.

IL BINARIO, vuole rivolgersi al territorio esaltando le particolarità e le novità al fine di generare, sensibilità e sinergie che vedano gli studenti campani esprimere le volontà e le conoscenze sui temi ambientali, sociali e del territorio.

Si viaggerà con questi auspici progettuali su una rotaia che vedrà la presenza di nuovi contenuti offerti attraverso la presenza di istituzioni, consorzi, associazioni nazionali, continua e capillare nonché direttamente partecipata da Ministeri, Consorzi, Enti e realtà pubbliche e private per fornire un contributo diretto e per conoscere le creatività che sorgeranno dall'edizione del Binario 2010.

Le parole chiave dell'edizione 2011 sono:

IL BINARIO – in viaggio nel buon vivere

Affinché le giovani generazioni siano protagonisti e testimonial di nuovi stili di vita, atteggiamenti per vivere bene con se stessi e gli altri

WWW.ILBINARIO.IT




Progetto MarcoPolo: individuate nuove basi genetiche per le preferenze alimentari


Il tuo browser potrebbe non supportare la visualizzazione di questa immagine.

I risultati del progetto MarcoPolo2010

Dalla biodiversità delle popolazioni sulla Via della Seta individuate nuove basi genetiche per le preferenze alimentari 

Il team di genetisti riparte domani per l'Armenia, una nuova tappa

per continuare la spedizione lungo la Via della Seta 

Super Quark su Rai 1 dedica al progetto MarcoPolo un servizio

nella puntata in onda domani sera 

Trieste, 27 luglio 2011 - In ogni individuo, la percezione dei quattro sapori fondamentali (aspro, salato, dolce, amaro) è legata anche a fattori genetici. La percezione del gusto e, dunque, le nostre preferenze alimentari sono infatti modulate da specifici geni di cui i genetisti del progetto MarcoPolo stanno ora cominciando a svelare funzioni, interazioni e meccanismi in grado di influenzare sia diete di intere popolazioni che gusti alimentari personali.  

I genetisti di MarcoPolo partono domani per l'Armenia (e a ottobre per la Crimea) dove continueranno i campionamenti iniziati nel luglio del 2010 lungo la Via della Seta. Anche quest'anno la spedizione verrà documentata giorno per giorno sul sito www.marcopolo2011.it . 

MarcoPolo2011 è un progetto ideato e realizzato dall'IRCCS Burlo Garofolo, da Sissa Medialab e dalla Fondazione Terra Madre, in collaborazione con AREA Science Park, Dipartimento di Scienze della Riproduzione e dello Sviluppo dell'Università di Trieste; gode del patrocinio della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, della Provincia di Trieste, del Comune di Trieste e dell'Ambasciata d'Italia a Erevan. 

I risultati emersi dai test e dai campionamenti effettuati 

Gusto

È stata studiata la relazione tra 26 geni candidati per il gusto e le preferenze alimentari, riscontrando diverse associazioni positive. La più interessante è quella che riguarda un gene, ITPR3, che sembra essere associato a molte preferenze alimentari con diversi marker. Questo gene ha la funzione di trasdurre i segnali intracellulari e sembrerebbe essere implicato nelle preferenze alimentari in generale.  

Inizialmente sono state riscontrate associazioni significative solo con alcuni alimenti che non sembrano avere relazione tra loro come i piselli, il pecorino o l'anguria. Tuttavia, andando a verificare anche le associazioni non significative si è visto che questo gene sembra essere implicato con effetti simili nelle preferenze di 35 diversi cibi. Sono state inoltre riscontrate associazioni significative tra il recettore della capsaicina, la sostanza che dà il gusto piccante al peperoncino, e il ravanello, anch'esso piccante. Un'altra associazione positiva è quella tra un gene dell'olfatto e la preferenza per il tè, particolarmente plausibile considerato che il sapore del tè è determinato principalmente da questo senso.  

Infine, è stato verificato che il recettore del dolce è associato sia al vino bianco che alla vodka: è noto, infatti, come l'etanolo sia in grado di attivare il recettore per il dolce. In laboratorio si è notato, per esempio, che topi che differiscono per preferenza al dolce mostrano anche variazioni nella preferenza all'alcool. Saranno condotti ulteriori studi, anche di tipo funzionale, per verificare meglio questa ipotesi anche nelle popolazioni isolate Italiane. 

Genetica delle popolazioni

Questa branca studia le relazioni tra gli individui, il loro grado di parentela e, in definitiva, la loro storia, attraverso il DNA. In luoghi come quelli lungo la Via della Seta, che per secoli hanno visto coesistere popolazioni diverse e molto ben caratterizzate insieme a un movimento continuo di uomini e  merci, questo tipo di indagine può integrare studi di tipo storico, etnografico e linguistico, aiutando a comprendere quali relazioni abbiano intessuto i vari gruppi umani nel corso dei secoli. Sono state analizzate circa 18 comunità, caratterizzato i loro genomi con circa 700.000 marcatori genetici ed è in via di completamento l'analisi di questa grande mole di dati.  

Tra i risultati preliminari spicca la somiglianza tra le popolazioni Kazake esaminate (le diverse popolazioni sono in gran parte sovrapponibili, segno di una mescolanza genetica notevole) e l'estrema omogeneità di quelle dello Zerafshan in Tajikistan. Emerge anche che popolazioni etnicamente e linguisticamente isolate, come quelle del Pamir, stanno oggi perdendo la loro tipicità: tra i soggetti esaminati spiccano alcuni con genoma paragonabile al resto della popolazione Tagika e altri assolutamente unici e peculiari. Ultimo dato degno di nota è l'assoluta unicità degli Uzbeki di Quarshi, che si staccano nettamente da tutte le altre popolazioni esaminate. 

Udito

La sordità (o ipoacusia) colpisce milioni di persone in tutto il mondo: generalmente un bambino su mille nasce con problemi uditivi che compromettono lo sviluppo del normale linguaggio. Le cause possono essere genetiche (dovute a un'anomalia cromosomica) o acquisite (dovute a cause infettive, vascolari, degenerative, autoimmuni, tumorali, iatrogene ecc.). Questa patologia nel 70% dei casi è di origine genetica e può essere trasmessa secondo diverse modalità ereditarie: autosomica recessiva (75-80% dei casi), autosomica dominante, X-linked, mitocondriale. L'eziologia può però anche essere multifattoriale, riflettendo l'interazione di un vasto numero di componenti genetiche e ambientali, come nel caso della presbiausia. Fino ad oggi sono stati raccolti i dati epidemiologici nei Paesi occidentali, mentre informazioni mancano per molti Paesi in via di sviluppo. 

Nel corso della missione MarcoPolo sono stati reclutati circa 500 individui di età compresa tra gli 8 e gli 84 anni, sottoponendoli a un questionario anamnestico e a un esame audiometrico. Dai risultati di questo studio è stata identificata una prevalenza di sordità che varia tra 9% e il 18%. Tale percentuale è più alta di quella riportata dall'Organizzazione Mondiale della Sanità per i Paesi Europei, ma comparabile con quella dei Paesi del Sud Est Asiatico. La differenza potrebbe suggerire che fattori socio-economici e ambientali giocano un importante ruolo nella prevenzione, identificazione e trattamento del problema.

I risultati di tutte le analisi svolte vanno ora interpretati alla luce di ciò che si sa dal punto di vista storico, aiutandoci così a capire, per esempio, se le differenze culturali, cristallizzate nelle tradizioni di ogni popolo, sono andate di pari passo con quelle genetiche o se invece non sempre a un'identità culturale corrisponde un'identità genetica e biologica. Sul progetto scientifico è stato realizzato il documentario "MarcoPolo2010: geni e sapori lungo la Via della Seta" (Carlo Auriemma - Elisabetta Eördegh, Italia, 2010), che si è aggiudicato lo scorso maggio a Milano il primo posto nella categoria "Documentari di Istituti di ricerca scientifica, musei, scuole" alla XV edizione di "Vedere la Scienza Festival", il Festival Internazionale del Video, del Film e del Documentario Scientifico.

 

Super Quark dedicherà un servizio alla spedizione MarcoPolo2010 nella puntata in onda domani, giovedì 28 luglio alle 21.10 su Rai 1. 

Ufficio Stampa

Leo Brattoli – Francesca Iannelli 
tel. 040 3755221/5189  

lunedì 25 luglio 2011

Hotel Pet friendly in Sardegna offerta agosto 2011 vicino al mare

State cercando un hotel pet friendly in Sardegna per la vostra vacanza di agosto 2011.
Presso l'HOTEL FLAMINGO RESORT a Santa Margherita di Pula, avrete la possibilità di pernottare in  un elegante hotel 4 stelle sul mare, con parco, spiaggia privata e piscina panoramica.

VI ASPETTANO DELLE BELLISSIME CAMMINATE IN RIVA AL MARE
Portare il vostro amico a 4 zampe a fare una passeggiata sarà un connubio di piacere e forte emozioni

Anche il vostro amico rimarrà colpito dalla bellezza dei paesaggi e dai grandi spazi dove potrà correre liberamente.
Fare la vostra passeggiata del mattino o della sera, vi regalerà emozioni fortissime.
Qui il tramonto è un momento ricco di magia e di bellezza.

TANTO RELAX ED ELEGANZA

Eleganza nelle camere e massimo relax, grazie ai numerosi servizi offerti dall'Hotel Flamingo Resort.
Al suo interno troverete:

  • il centro benessere
  • piscina interna e piscina esterna
  • campo da tennis, beach volley, minigolf e palestra.



Queste offerte le potrete visionare nella pagina Last minute Agosto in Sardegna del sito ufficiale de HOTEL FLAMINGO RESORT
PREZZI IN OFFERTA LAST SECOND

Dal 01 agosto fino al 05 agosto 2011
€ 130 in mezza pensione prezzo a persona

Dal 06 agosto fino al 19 agosto 2011
€ 165 a persona a notte in mezza pensione

Dal 20 agosto fino al 26 agosto 2011
€ 135 a persona a notte in mezza pensione

Dal 27 agosto fino al 31 agosto 2011
€ 95 in mezza pensione prezzo a persona

BAMBINI GRATIS
I bambini pernottano gratis nel periodo dal 01 agosto al 05 agosto
e nel periodo dal 27 agosto fino alla fine della stagione.



COME  ARRIVARE
In aereo con le seguenti compagnie
RyanAir
EasyJet
Alitalia
Meridiana

IN NAVE
MobyLines
Tirrenia Ferries
Sardinia Ferries
Saremar Regione Sardegna


Per maggiori informazioni
HOTEL FLAMINGO RESORT
Santa Margherita di Pula
Sardegna
Telefono 070 - 9208361
http://www.hotelflamingo.it

sabato 23 luglio 2011

Corso per Animatore Socio-Culturale


"SPECIALE ALTA FORMAZIONE IN RETE"
Un Voucher per il tuo corso di formazione
Fai subito domanda entro il 4 agosto

Si è aperto il 4 luglio un bando di 12 regioni che stanzia 30 milioni di euro per l'alta formazione a favore di laureati e diplomati.
Da questo momento, fino alle ore 18 del 4 agosto, tutti i residenti del Lazio possono scegliere il corso di Specializzazione per il quale intendono spendere il proprio voucher e inoltrare domanda per l'assegnazione del voucher a copertura, totale o parziale (a seconda del proprio reddito) del costo del corso.

 

Se sei interessato a potenziare le tue competenze professionali e/o a qualificarti per entrare nel mondo del lavoro, puoi accedere ad assegni formativi (voucher) per la partecipazione ai corsi del Catalogo Interregionale dell'Alta Formazione e disporre quindi di un finanziamento pubblico per frequentare uno dei corsi presenti nel catalogo della tua regione.

Vuoi lavorare nel sociale? Scegli subito il tuo corso di formazione per ANIMATORE SOCIO-CULTURALE e aggiudicati l'assegno formativo (VOUCHER).

Un'opportunità che puoi cogliere solo entro il 4 agosto!

Alta Formazione in Rete è un progetto interregionale a cui ha aderito anche la Regione Lazio ed è finalizzato a diffondere e supportare la formazione superiore tramite l'erogazione di voucher individuali fino ad un importo massimo di € 5.000,00, che finanziano la frequenza di Corsi di Specializzazione e Master Post Universitari ammessi ad un Catalogo regionale.

Lo scopo primario del progetto Alta Formazione in Rete è quello di promuovere l'accesso a percorsi altamente qualificanti da parte di giovani e adulti con titolo di studio elevato (diploma e laurea),per sostenere l'incremento delle competenze professionali e favorire l'inserimento nel mercato del lavoro.

Il progetto è quindi parte integrante delle Politiche per l'occupazione promosse dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e dalla Comunità Europea e mira a favorire l'incontro tra domanda ed offerta di lavoro, contribuendo all'inserimento lavorativo dei giovani in cerca di occupazione.

 

La Logos P.A.F ha aderito al progetto interregionale Alta Formazione in Rete con lo scopo  supportare la costruzione di un percorso di formazione nel Sociale che faciliti l'inserimento nel mondo del lavoro e supporti il miglioramento della propria professionalità tramite l'erogazione di un voucher.

 

Il corso che Logos P.A.F. propone e per il quale possono essere richiesti i voucher è:

 

"Animatore socio-culturale"

 

Obiettivo del corso è preparare una figura professionale in grado di progettare e gestire attività di carattere educativo, culturale e di intrattenimento, rivolte a diverse tipologie di utenti in relazione al contesto (associazioni, comunità, scuole) in cui lavora. Deve saper svolgere la propria attività a contatto con diversi tipi di persone: bambini, adolescenti, anziani e portatori di handicap. Al termine del percorso formativo l'animatore sociale deve saper realizzare attività ricreative, artistiche e ludiche, occupandosi in autonomia degli interi aspetti organizzativi (programmazione attività, allestimento degli spazi e reperimento materiale per lo svolgimento delle iniziative).

REQUISITI PER LA RICHIESTA DI ASSEGNAZIONE VOUCHER ALTA FORMAZIONE (Lazio)

 

v      Residenza nel Lazio

v      Laurea triennale

v      Stato di disoccupazione. Lo stato di disoccupazione deve essere dimostrato tramite la dichiarazione di disponibilità all'impiego. Se ancora non ce l'hai, puoi fare la dichiarazione presso il Centro per l'impiego della tua provincia di residenza (esiste uno sportello dedicato). Per sapere dove trovarlo digita "centro per l'impiego + nome della tua città" su Google.

 

Il voucher è disponibile anche per chi è occupato (tempo determinato, indeterminato, co.co.pro, part-time, apprendistato, inserimento, occasionale, autonomo) o è in CIGO, CIGS, mobilità o in deroga.

 

v      Alla richiesta di voucher va allegato il modello ISEE 2011. Per averlo è molto semplice: contatta il CAF (Centro Assistenza Fiscale) a te più vicino. Per trovarlo digita "CAF + il nome della tua città". Prima di andare ti consigliamo di telefonare per sapere quali documenti portare. Il servizio è gratuito.

 

Dopo aver individuato il corso per il quale richiedere il voucher, registrati sul portale www.altaformazione.it e segui la procedura. Ti verrà richiesto di allegare Dichiarazione di disponibilità, ISEE e curriculum europeo. Attenzione! Il cv è importante ai fini del calcolo del punteggio per la graduatoria e deve essere esclusivamente in formato europeo, altrimenti non verrà preso in considerazione.

 

Una volta terminata la procedura il portale genererà la domanda di richiesta voucher che dovrai stampare. Fatto questo prendi una busta e inserisci:

v      Domanda di richiesta voucher stampata dal sito. Sulla domanda devi apporre una marca da bollo del valore di € 14,62 (ricordati di firmare la domanda!)

v      Dichiarazione di disponibilità all'impiego

v      Modello ISEE 2011

v      Curriculum vitae in formato europeo

v      Fotocopia leggibile di un documento di identità

 

Sulla busta scrivi il mittente (in alto a destra) e il seguente indirizzo:

 

Regione Lazio

Direzione Regionale Formazione e Lavoro

Area Programmazione Interventi – DB/05/10

Via Rosa Raimondi Garibaldi, 7

00145 Roma

 

Sulla busta dovrai inoltre indicare:

"Domanda di Voucher formativi nell'ambito del Catalogo Interregionale dell'Alta Formazione – NON APRIRE"

 

ATTENZIONE: la domanda deve pervenire presso la Regione Lazio entro le ore 17.00 del 05.08.2011 per cui non fa fede il timbro postale!!! Noi ti consigliamo di portarla a mano, non si sa mai….

 

Link Utili:

Alta Formazione in Rete:www.altaformazioneinrete.it/tabid/136/Default.aspx

Alta Formazione, bando per la Regione Lazio: www.altaformazioneinrete.it/tabid/2728/Default.aspx

 

 
 

Logos P.A.F. s.r.l.
Sede Roma Nord: Via Alfredo Catalani, 27 - 00199 - Roma - Tel. 06.86.21.07.71
Sede Roma Sud: Circonvallazione Ostiense, 80 - 00154 - Roma - Tel. 06.96.04.56.73 FAX 06.86.38.10.42
www.logospaf.it

giovedì 21 luglio 2011

Bridgestone Moto presenta il Gran Premio degli Stati Uniti

Il fornitore ufficiale di pneumatici per la MotoGp 2011 presenta il circuito di Lagua Seca.

laguna seca21 luglio 2011 – Bridgestone Moto, azienda giapponese che fornisce pneumatici moto per la MotoGp, annuncia in anteprima il Gran Premio degli Stati Uniti, decimo appuntamento stagionale del Motomondiale 2011. La gara avrà luogo sul circuito di Laguna Seca, in California, domenica 24 luglio. La corsa si svolge a una sola settimana di distanza dal Gran Premio di Sachsenring, a testimonianaza di una fase davvero concitata e ricca di impegni per i piloti; al termine della gara scatterà quindi la consueta pausa estiva.

A differenza del 2010, quando furono utilizzati pneumatici moto asimmetrici per il posteriore, quest'anno i tecnici Bridgestone hanno pensato di utilizzare gomme moto con mescola più morbida per il mattino, dal momento che la pista è soggetta a temperature leggermente più fredde; per il pomeriggio invece, quando la temperatura comincia a salire, saranno utilizzati pneumatici con una mescola più dura, in grado di resistere nel modo migliore al caldo di Laguna Seca. Per garantire dunque performance di alto livello per quanto riguarda l'usura, la Casa giapponese propone una mescola soft, mentre la spalla destra è concepita per ottimizzare l'aderenza dei pneumatici al manto stradale soprattutto in considerazione del fatto che il circuito di Laguna Seca presenta una preponderanza di curve lunghe e veloci. Tra queste, è ben nota la curva detta " Cavatappi", molto temuta dai piloti.

Tra tutti i circuiti della MotoGp, quello di Laguna Seca è il più corto, ed ha sette curve a sinistra e quattro a destra. Il rettilineo è lungo soltanto 900 mentri e rappresenta il tratto di pista nel quale la spalla delle gomme viene sovraccaricata ulteriormente, ragion per cui è indispensabile che i pneumatici moto Bridgestone offrano un'otttima resistenza nel corso di tutta la gara. Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorspor, afferma che gli Stati Uniti rappresentano un mercato molto importante per l'azienda, e che quindi dal Gran Premio di Laguna Seca si aspetta una gara emozionante e adrenalinica. Hirohide Hamashima , Assistente del Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorsport, si augura che la scelta di una mescola più morbida possa garantire agli pneumatici moto performance di livello superiore.

Bridgestone Moto

mercoledì 20 luglio 2011

AlternativaSostenibile & Auser: solidarita' a km 0

Con Alternativa Sostenibile e Auser

la solidarietà non va in vacanza!

 

"Estate 2011: obiettivo solidarietà a Km zero"

 

20 luglio 2011Parte oggi e continuerà fino al 20 settembre l'iniziativa "Estate 2011: obiettivo solidarietà a Km zero" promossa dal portale d'informazione green a 360° Alternativa Sostenibile che si occupa di tutela e salvaguardia ambientale, efficienza e risparmio energetico, raccolte differenziate, energie alternative e rinnovabili, consumo e turismo responsabile e del benessere dell'uomo all'interno del proprio ecosistema, e dall'associazione di volontariato e promozione sociale a favore dell'invecchiamento attivo degli anziani Auser.

 

I lettori e tutti coloro che abbracciano gli obiettivi dell'Auser che si impegneranno almeno un giorno a settimana  a compiere un gesto (visita, spesa, passeggiata, trasporto, e tutto ciò che può essere utile) a favore di un vicino, amico o familiare anziano e solo, potranno inviare contenuti (foto, video, resoconti dell'esperienza, commenti) che rendano testimonianza dell'esperienza e che trasmettano l'emozione nel compiere e nel ricevere una buona azione, all'indirizzo di posta elettronica maragiudittaurriani@alternativasostenibile.it. Il materiale pervenuto sarà selezionato e pubblicato a scadenza settimanale sul sito alternativasostenibile.it e sulla pagina Facebook.

 

Questo progetto nasce alla luce dei dati emersi dal 4° Rapporto Nazionale Filo d'Argento, il Servizio di Telefonia Sociale attivo in tutta Italia che risponde al numero verde nazionale gratuito 800-995988, che offre una chiara visione di bisogni e disagi degli anziani in Italia, sempre più legati ai problemi economici e di solitudine. Sono oltre 433mila infatti,  per la maggior parte donne con più di 75 anni e a forte rischio di emarginazione, coloro che hanno chiamato nel 2010 spinti da un grande bisogno di compagnia e alla ricerca della possibilità di muoversi nel territorio.

 

L'aumento delle telefonate e della richiesta di assistenza, purtroppo, collima con le risorse in continua diminuzione per il settore sociale e per le associazioni di volontariato in particolare. Inoltre, i mesi estivi sono quelli nei quali il problema della solitudine si acuisce per gli anziani, spesso abbandonati da familiari e amici per l'esodo vacanze. Ed è proprio in questo contesto che si colloca l'iniziativa "Estate 2011: obiettivo solidarietà a Km zero" che chiama tutti ad una prima azione di volontariato dal 20 luglio al 20 settembre, che rispetti i valori di alternativasostenibile.it e di Auser: sostenibilità e rispetto per l'ambiente e per tutti gli esseri viventi, considerando l'uomo soggetto attivo dell'ecosistema in cui vive, e volontariato e promozione dell'invecchiamento attivo.

 

Per maggiori info:

Responsabile di progetto: Mara G. Urriani maragiudittaurriani@alternativasostenibile.it

Direzione Testata ed Ufficio stampa Alternativa Sostenibile – Andrea Pietrarota

direttore@alternativasostenibile.it

Ufficio stampa Auser – Giusy Colmo ufficiostampa@auser.it

Nuovo portale di prenotazione hotel a Cervia per gli alberghi Adriasol

E' ora pienamente operativo il portale di prenotazione hotel a Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Lidio di Savio degli hotel del consorzio Adriasol.

Logo consorzio Adriasol Il consorzio, che riunisce circa una ventina di hotel da 2 a 4 stelle a Cervia, Milano Marittima, Pinarella e Lido di Savio, consente così finalmente agli utenti dei propri alberghi di prenotare soggiorni direttamente on line pagando con carta di credito o bonifico bancario.

Oltre a offerte speciali esclusive e pacchetti benessere alle terme di Cervia realizzati grazie a convenzioni sottoscritte con gli stabilimenti termali, il portale offre ai clienti la garanzia della miglior tariffa on line per tutti gli alberghi gestiti. Se, cioè, gli utenti dovessero trovare in rete un prezzo minore per uno degli alberghi proposti, la differenza rispetto a quanto pagato verrebbe rimborsata all'arrivo nella struttura.

Al momento, il consorzio comprende i seguenti hotel 3 stelle a Pinarella: Antony, Bassetti, Buratti, Caribia (3 stelle superiore), Chiari ed El Prado. A Cervia invece sono presenti gli albeghi a 3 stelle Commodore e Losanna e il 2 stelle Lydia. A Milano Marittima invece ci sono l'Hotel Perla Verde (4 stelle) e i 3 stelle Tiffany's e Tonni. A Lido di Savio, infine, si trova l'hotel De Paris, anch'esso a 3 stelle.

Per maggiori informazioni e per prenotazioni www.adriasol.it

Incontro con Andrea Tornaghi, architetto



Il settore dell’architettura vive una fase di evoluzione permanente: nello specifico, si tratta di uno scenario in cui emergono sempre nuove esigenze di tipo abitativo civile (per i privati) e di tipo business (per le superfici retail, per le sedi aziendali e per location di eventi), uno scenario complesso che vede impegnati diversi professionisti nel realizzare progetti ad hoc per l’organizzazione ottimale e funzionale degli spazi. Ne parliamo con l’architetto Andrea Tornaghi, monzese, classe 1967, professionista con un significativo background maturato sia in Italia che all’estero negli ambiti edilizia, ristrutturazioni, interior design, retail and hospitality design, certificazioni energetiche e industrial design.

Dottor Andrea Tornaghi, oggi, cosa significa essere architetto?

"Essere architetto è un privilegio che porta con sé molte responsabilità. Significa poter inventare ogni giorno spazi e oggetti nuovi, ma, soprattutto, confrontarsi con chi dovrà fruire ciò che noi, per suo conto, progettiamo. Il “Design”, non solo industrial, deve rispettare sia forma che funzione, troppo spesso, quest'ultima, dimenticata. Significa anche, sempre di più, attenzione ai nuovi materiali e tecnologie: solo pochi anni fa, nessuno sapeva cosa fosse un “cappotto” e, ora, costruiamo case con consumi energetici estremamente ridotti e sempre più orientate verso l'autosufficienza energetica"

Che ruolo svolge l’architettura nell’ambito della società contemporanea?

"Davvero una bella domanda. L'architettura è portatrice di una forza dirompente, è una delle ultime discipline umanistiche in grado di cambiare il nostro modo di vivere e il nostro territorio. Nel corso dei secoli, ha prestato la sua arte sia per luoghi di culto che per fortificazioni ed edifici monumentali e celebrativi. Oggigiorno, perlomeno in Italia, sembra un po' svilita quasi fosse inutile. I nuovi monumenti sono diventati i centri commerciali e le amministrazioni non si prodigano di certo per creare veri luoghi di aggregazione e concreti spazi pubblici. Sono stato di recente a Barcellona ed è stata una boccata d'aria: la città vive e ogni edificio pubblico è pensato per la collettività anche negli spazi accessori. Quanto ai centri commerciali di cui sopra, è stato appena inaugurato in Piazza di Spagna quello realizzato dalla mano di Foster al posto della Plaza de Toros o, meglio, dentro di essa: un esempio di come sia possibile integrare una funzione nuova e moderna nel mezzo della storia della città"

In base alla sua pluriennale esperienza, come nasce un progetto architettonico e quali sono le sue principali linee guida?

"La partenza sono le necessità del cliente e i suoi desideri che trovano espressione e guida nel nostro intervento. Sia che si tratti di un'abitazione, di uno spazio retail o di un albergo, muovo dai volumi, dal generale scendendo, poi, via via fino al minuto particolare. Ci sono però idee che permeano di sé il progetto fin dall'inizio, quali i materiali che si intendono usare o il tipo di percezione che si desidera avere dei volumi"

A suo avviso, quale deve essere il risultato finale di un progetto architettonico?

"Il benessere. Come dicevo prima, l'architettura influenza la nostra vita e lo fa spesso fisicamente. Le faccio un esempio: a Milano, in Via Montenapoleone, c'era un negozio di Versace estremamente decorato, in stile neoclassico del quale molti sono stati detrattori. Gli spazi erano però molto ben progettati e soprattutto vi erano armonia e proporzione: dentro quel negozio si stava molto rilassati, a proprio agio. L'obiettivo era stato raggiunto completamente. Per contro, vi sono edifici che ci fanno stare male: a Basilea, vi è lo Schaulager, edificio progettato come magazzino di opere d'arte, aperto per alcuni mesi l'anno come museo. L'edificio è interessante, senza dubbio un ottimo magazzino, ma, per il visitatore, risulta stressante e claustrofobico: durante la visita, sono stato colto da nausea crescente, scomparsa una volta uscito all'aperto"

Sul versante dell’impatto visivo, che cosa deve comunicare ai propri fruitori la realizzazione finale di un progetto architettonico ottimale?

"Non credo ci possa essere una risposta univoca a questa domanda. Ognuno di noi ha una propria sensibilità estetica, a volte, molto sviluppata e, altre volte, pochissimo sviluppata. Inoltre, differenti sono le richieste in partenza. In linea generale, dovrei rispondere “appagamento” per il risultato raggiunto: qualcosa che rispecchi e, se possibile, superi le aspettative del cliente. Si tratta di fattori quali la freschezza per un negozio, l’autorevolezza per uno studio legale, la magnificenza per uno spazio celebrativo..."

Lei è anche designer di interni, in particolare, per il settore furniture. Quale deve essere il valore aggiunto di un prodotto di design?

"La comodità, la semplicità e la logica di fruizione. Un qualsiasi prodotto viene prima disegnato e il riconoscimento del creatore è storia recente. C'è stata una corsa all'oggetto di “design” inteso come accattivante, strano, esteticamente riuscito: in questo ambito, Alessi ha fatto storia. Questo ha, però, portato all'esasperazione e alla riduzione, spesso, del design a una valenza puramente estetica, mentre è vero il contrario: la parte tecnica ha un’enorme importanza. Quindi, il valore aggiunto, ciò che rende un prodotto di design degno di tale nome è il perfetto amalgama tra forma e funzione, quasi diventassero una cosa sola"

In assoluto, qual è il progetto al quale lei sente di essere maggiormente legato?

"In realtà più di uno, ma forse l'ultimo, che mi sta dando molte soddisfazioni. Una ristrutturazione di un edificio industriale trasformato in residenza dove la sintonia con la committenza è stata totale e in cui abbiamo potuto utilizzare materiali naturali come il sughero e la lana e ci siamo confrontati con spazi forse rigidi ma ampi: con una serie di aperture, abbiamo realizzato dei cannocchiali per cui da ogni locale si leggono due, tre piani in profondità e si percepisce come un costante fluire di un locale dentro un altro, fino al giardino"



Info:

tornaghi@vf10.it
http://it.linkedin.com/pub/andrea-tornaghi/27/363/956

martedì 19 luglio 2011

Bridgestone Moto rivive il Gran Premio di Germania

L'azienda che fornisce in esclusiva i pneumatici alla MotoGp riporta sul sito italiano della divisione moto le dichiarazioni post-gara.

pedrosa sul podio 19 luglio 2011 – Bridgestone Moto, leader mondiale nella produzione di pneumatici moto e fornitore unico della MotoGP, rivive sul proprio sito web, online all'indirizzo www.bridgestonemoto.it, le fasi salienti del Gran Premio di Germania, nono appuntamento stagionale del Motomondiale 2011. La gara, che si è disputata sul tracciato di Sachsenring, ha visto il trionfo di Dani Pedrosa, che si è guadagnato il gradino più alto del podio al termine di una corsa a tratti entusiasmante. Il pilota spagnolo, che corre per la Honda Repsol, ha inoltre stabilito il nuovo giro record per la pista. Alle sue spalle si posizionano rispettivamente Jorge Lorenzo e Casey Stoner.

Sebbene le condizioni climatiche si presentassero incerte, e nonostante una temperatura non troppo alta del manto stradale, tutti i piloti in gara hanno optato per pneumatici moto Bridgestone con mescola extra dura per l'anteriore, mentre per il posteriore sono state utilizzate gomme con mescola dura. Il risultato è che tutti i pneumatici usati dai concorrenti hanno manifestato un'eccellente resistenza nel corso della gara, aiutando Dani Pedrosa a migliorare di ben 9 secondi il record del Sachsenring. La lotta per le prime posizioni ha coinvolto fino alla fine anche altri piloti tra cui Andrea Doviziono, Marco Simoncelli e Ben Spies, che hanno utilizzato pneumatici con mescola dura.

Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport, si congratula sia con Dani Pedrosa che con il team Honda Repsol, ricordando come anche l'anno scorso il pilota spagnolo abbiia avuto la meglio sui suoi rivali proprio sul circuitodel Sachsenring. Il manager rimarca l'alto grado di spettacolarità ottenuto dalla gara, che ha visto più piloti cotnendersi fino alla fine il primato. Hirohide Hamashima, Assistente del Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorsport, mostra invece la propria soddisfazione per la tenuta dei pneumatici moto utilizzati, soprattutto per quanto riguarda la resistenza al riscaldamento e il grip dimostrato; il record stabilito da Dani Pedrosa è segno evidente dell'eccellenza delle gomme fornite ai piloti.

Bridgestone Moto

Incontro con Andrea Tornaghi, architetto

Il settore dell’architettura vive una fase di evoluzione permanente: nello specifico, si tratta di uno scenario in cui emergono sempre nuove esigenze di tipo abitativo civile (per i privati) e di tipo business (per le superfici retail, per le sedi aziendali e per location di eventi), uno scenario complesso che vede impegnati diversi professionisti nel realizzare progetti ad hoc per l’organizzazione ottimale e funzionale degli spazi. Ne parliamo con l’architetto Andrea Tornaghi, monzese, classe 1967, professionista con un significativo background maturato sia in Italia che all’estero negli ambiti edilizia, ristrutturazioni, interior design, retail and hospitality design, certificazioni energetiche e industrial design.

Dottor Andrea Tornaghi, oggi, cosa significa essere architetto?

"Essere architetto è un privilegio che porta con sé molte responsabilità. Significa poter inventare ogni giorno spazi e oggetti nuovi, ma, soprattutto, confrontarsi con chi dovrà fruire ciò che noi, per suo conto, progettiamo. Il “Design”, non solo industrial, deve rispettare sia forma che funzione, troppo spesso, quest'ultima, dimenticata. Significa anche, sempre di più, attenzione ai nuovi materiali e tecnologie: solo pochi anni fa, nessuno sapeva cosa fosse un “cappotto” e, ora, costruiamo case con consumi energetici estremamente ridotti e sempre più orientate verso l'autosufficienza energetica"

Che ruolo svolge l’architettura nell’ambito della società contemporanea?

"Davvero una bella domanda. L'architettura è portatrice di una forza dirompente, è una delle ultime discipline umanistiche in grado di cambiare il nostro modo di vivere e il nostro territorio. Nel corso dei secoli, ha prestato la sua arte sia per luoghi di culto che per fortificazioni ed edifici monumentali e celebrativi. Oggigiorno, perlomeno in Italia, sembra un po' svilita quasi fosse inutile. I nuovi monumenti sono diventati i centri commerciali e le amministrazioni non si prodigano di certo per creare veri luoghi di aggregazione e concreti spazi pubblici. Sono stato di recente a Barcellona ed è stata una boccata d'aria: la città vive e ogni edificio pubblico è pensato per la collettività anche negli spazi accessori. Quanto ai centri commerciali di cui sopra, è stato appena inaugurato in Piazza di Spagna quello realizzato dalla mano di Foster al posto della Plaza de Toros o, meglio, dentro di essa: un esempio di come sia possibile integrare una funzione nuova e moderna nel mezzo della storia della città"

In base alla sua pluriennale esperienza, come nasce un progetto architettonico e quali sono le sue principali linee guida?

"La partenza sono le necessità del cliente e i suoi desideri che trovano espressione e guida nel nostro intervento. Sia che si tratti di un'abitazione, di uno spazio retail o di un albergo, muovo dai volumi, dal generale scendendo, poi, via via fino al minuto particolare. Ci sono però idee che permeano di sé il progetto fin dall'inizio, quali i materiali che si intendono usare o il tipo di percezione che si desidera avere dei volumi"

A suo avviso, quale deve essere il risultato finale di un progetto architettonico?

"Il benessere. Come dicevo prima, l'architettura influenza la nostra vita e lo fa spesso fisicamente. Le faccio un esempio: a Milano, in Via Montenapoleone, c'era un negozio di Versace estremamente decorato, in stile neoclassico del quale molti sono stati detrattori. Gli spazi erano però molto ben progettati e soprattutto vi erano armonia e proporzione: dentro quel negozio si stava molto rilassati, a proprio agio. L'obiettivo era stato raggiunto completamente. Per contro, vi sono edifici che ci fanno stare male: a Basilea, vi è lo Schaulager, edificio progettato come magazzino di opere d'arte, aperto per alcuni mesi l'anno come museo. L'edificio è interessante, senza dubbio un ottimo magazzino, ma, per il visitatore, risulta stressante e claustrofobico: durante la visita, sono stato colto da nausea crescente, scomparsa una volta uscito all'aperto"

Sul versante dell’impatto visivo, che cosa deve comunicare ai propri fruitori la realizzazione finale di un progetto architettonico ottimale?

"Non credo ci possa essere una risposta univoca a questa domanda. Ognuno di noi ha una propria sensibilità estetica, a volte, molto sviluppata e, altre volte, pochissimo sviluppata. Inoltre, differenti sono le richieste in partenza. In linea generale, dovrei rispondere “appagamento” per il risultato raggiunto: qualcosa che rispecchi e, se possibile, superi le aspettative del cliente. Si tratta di fattori quali la freschezza per un negozio, l’autorevolezza per uno studio legale, la magnificenza per uno spazio celebrativo..."

Lei è anche designer di interni, in particolare, per il settore furniture. Quale deve essere il valore aggiunto di un prodotto di design?

"La comodità, la semplicità e la logica di fruizione. Un qualsiasi prodotto viene prima disegnato e il riconoscimento del creatore è storia recente. C'è stata una corsa all'oggetto di “design” inteso come accattivante, strano, esteticamente riuscito: in questo ambito, Alessi ha fatto storia. Questo ha, però, portato all'esasperazione e alla riduzione, spesso, del design a una valenza puramente estetica, mentre è vero il contrario: la parte tecnica ha un’enorme importanza. Quindi, il valore aggiunto, ciò che rende un prodotto di design degno di tale nome è il perfetto amalgama tra forma e funzione, quasi diventassero una cosa sola"

In assoluto, qual è il progetto al quale lei sente di essere maggiormente legato?

"In realtà più di uno, ma forse l'ultimo, che mi sta dando molte soddisfazioni. Una ristrutturazione di un edificio industriale trasformato in residenza dove la sintonia con la committenza è stata totale e in cui abbiamo potuto utilizzare materiali naturali come il sughero e la lana e ci siamo confrontati con spazi forse rigidi ma ampi: con una serie di aperture, abbiamo realizzato dei cannocchiali per cui da ogni locale si leggono due, tre piani in profondità e si percepisce come un costante fluire di un locale dentro un altro, fino al giardino"



Info:

tornaghi@vf10.it
http://it.linkedin.com/pub/andrea-tornaghi/27/363/956

Etichette: , , , , , , , , ,

Moto per disabili e anziani



Lo scooter elettrico è in grado di fornire più libertà e indipendenza a tanti disabili e anziani con difficoltà a deambulare.
Possono essere utilizzati in molteplici occasioni: per ritrovare la libertà di andare a fare la spesa, ma anche solo per ritrovarsi con amici e parenti.
Sono semplici da usare, anche per persone obese o con peso eccessivo.
Come per tutti i veicoli che possono andare su strade cittadine, anche per chi guida lo scooter elettrico per anziani e disabili è necessario seguire le regole del codice della strada.
Abbiamo fatto un elenco di cose da ricordarsi, per facilitare l'utilizzo dello scooter elettrico e godere dei propri benefici in totale sicurezza.


  1. Consultare il medico per controllare che tutto sia apposto per un corretto uso dello scooter.
  2. Se si dispone di una limitata possibilità di movimento, è necessario adattarsi allo scooter in uno spazio sicuro, per poi poter andare nelle strade cittadine.
  3. Ricordati che ci sono molti tipi di scooter per disabili, ognuno con una propria caratteristica.


Dove acquistare lo scooter elettrico per disabili
Guarda nella sezione motorini per anziani del sito ausili-per-disabili.it per trovare il rivenditore nella tua città.

lunedì 18 luglio 2011

Simco, oggi alleato nel Supply Chain Management

Simco da oggi è consulente nel supply chain management supportando l'aziende con software specifici.


supply chain management13 luglio 2011 - Un software di Supply Chain Management è uno strumento molto utile nelle fasi di analisi processi e ottimizzazione delle scorte. Simco, tra le sue attività di consulenza logistica, comprende anche l’assistenza nella fase di implementazione e monitoraggio di strumenti di supply chain management.
I sistemi di supply chain management gestiscono una pluralità di operazioni: analizzano i dati della domanda, forniscono assistenza nella realizzazione delle previsioni di vendita, nel calcolo del fabbisogno relativo a rifornimento e produzione e nell’ottimizzazione delle scorte.
Gli strumenti di Supply Chain Management sono utili nella fase di sviluppo delle previsioni di vendita in quanto facilmente possono verificarsi errori correlati ai meccanismi di remunerazione vendite. I software possono essere utilizzati, inoltre, nella fase di assessment e in particolare per quantificare la riduzione delle giacenze e/o l'incremento di livello di servizio: con questi strumenti l’utente può realizzare scenari con diversi parametri e sviluppare quindi mappe dei costi molto dettagliate. Il software di supply chain è utile, inoltre, nella fase di ottimizzazione scorte per determinare il mix globale di scorte utile a generare uno stock di sicurezza.
Simco si occupa di fornire assistenza durante l’implementazione dei software di supply chain management, rendendo questo passaggio più agevole e chiaro per tutte le aziende che si confrontano con questo strumento. Nel dettaglio Simco, dopo aver realizzato un’analisi preliminare di obiettivi e costi, procede con la fase di assessment in cui viene stabilito il mix ottimale di scorte e indicazioni quantitative sugli obiettivi.
Una volta terminate le fasi di analisi, Simco fornisce assistenza durante l’implementazione del software di supply chain management e di pianificazione dell’intero processo.
Infine, conclusa l’installazione, Simco provvede a fornire assistenza periodica e monitoraggio dei risultati tramite tecniche di auditing che verificano lo stato delle scorte e l’efficacia dello strumento.
Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito web di Simco www.simcoconsulting.it

Corsi di Alta Formazione Finanziati - Consegna domande entro le ore 13:00 del 4 Agosto 2011

Corsi di Alta Formazione Finanziati - Consegna domande entro le ore 13:00 del 4 Agosto 2011

Corsi di Alta Formazione in Rete

Sei interessato ai Corsi di Alta Formazione? Lo sai che puoi ottenere un finanziamento a fondo perduto (voucher) per frequentare un Corso di Alta Formazione?

Lo sai che il valore del voucher può raggiungere i 6.000 euro? Vuoi partecipare al bando per l'Alta Formazione? Sei diplomato e vuoi migliorare la tua posizione lavorativa? Sei laureato e ancora in cerca di lavoro? Sei in Cassa Integrazione o in mobilità e ti vuoi ricollocare nel minor tempo possibile? Sei un imprenditore, un titolare d'azienda o di partita iva, un libero professionista? Vuoi ottenere un Finanziamento per la tua Formazione o quella dei tuoi colleghi? Vuoi riqualificarti per migliorare le tue prospettive di inserimento e di carriera? Non ti senti valorizzato e pensi che nessuno stia investendo su di te? Questo è il momento più opportuno per investire su te stesso e nella tua Formazione partecipando ai Corsi di Alta Formazione per specializzarti nell'Information & Comunication Technology (ICT) che non conosce la stessa crisi di altri settori lavorativi.

Elenco dei Corsi di Alta Formazione

Possedendo i necessari requisiti puoi richiedere un finanziamento a fondo perduto (voucher) per la partecipazione alle seguenti attività formative, sia come azienda che come persona fisica.
  • Network Administrator e Network Security Manager specialista Cisco CCNA (640-802) e Cisco CCNA Security (640-553)
  • IT & Junior LINUX Administrator di sistemi hardware e software con specializzazione CompTIA Strata IT Fundamentals, CompTIA A+, CompTIA Linux+, LPI LPIC-1, Linux UBUNTU e Apple Mac OS X

Leggi tutto quello che c'è da sapere sui Corsi di Alta Formazione.

Come fare domanda di Finanziamento?

Dalle ore 9.00 del 4 Luglio 2011  alle ore 13.00 del 4 Agosto 2011, possono richiedere un un finanziamento a fondo perduto (voucher) per frequentare i nostri Corsi di Alta Formazione:
  • i cittadini residenti nelle Regioni Basilicata, Campania, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Marche, Puglia, Sardegna, Sicilia, Valle d'Aosta e Veneto
  • le aziende a beneficio dei propri lavoratori

La residenza in una delle Regioni operative è il primo requisito necessario per la domanda; ciascuna regione ha indicato all'interno di un avviso specifico gli altri requisiti specifici per la richiesta di voucher e le priorità per l'assegnazione: invitiamo gli interessati a leggere con attenzione l'avviso emanato dalla propria Regione di residenza, consultabile sul portale http://www.altaformazioneinrete.it.

Leggi tutto quello che c'è da sapere sui Corsi di Alta Formazione e non esitare a contattarmi.

Cordiali saluti

CECCARELLO Diana

Per maggiori informazioni e ricevere ASSISTENZA GRATUITA:

Puoi seguire anche il social networking di CNAPONLINE facendo click sui rispettivi logo:

© 2004/2011 CNAPONLINE Srl | ISSN 1826-6126 | P.IVA IT03749830273

venerdì 15 luglio 2011

Bridgestone Moto annuncia il Gran Premio di Germania

Il fornitore unico di pneumatici per la MotoGP presenta il prossimo appuntamento stagionale.

gp di germania14 luglio 2011 – Bridgestone Moto, fornitore unico di pneumatici moto per la MotoGP, presenta in anteprima il Gran Premio di Germania, 9° appuntamento della stagione agonistica 2011. La gara, che verrà disputata domenica 17 luglio sul tracciato di Sachsenring, vedrà tutti i piloti impegnati adottare gomme moto Bridgestone e rappresenterà il penultimo appuntamento prima della pausa estiva, andando così a chiudere un intenso periodo di corse con ben 6 gran premi in 8 settimane.

Gli pneumatici moto in dotazione ai piloti saranno di tipo slick con mescola più morbida per il posteriore ed utilizzeranno una formula ultra soft che consente loro di resistere meglio alle sollecitazioni di tipo termico, con conseguente riscaldamento delle gomme. Il manto stradale del Sachsenring, infatti, si presenta molto tortuoso e stretto, mostrando un tipo di conformazione che aumenta il rischio di abrasione dei pneumatici. Il tracciato misura circa 3.700 metri in lunghezza, con una prevalenza di curve a sinistra lunghe e veloci. Per questo motivo è indispensabile utilizzare una mescola più dura sulla spalla destra del pneumatico, al fine di migliorarne la resistenza; una mescola più morbida sulla spalla destra, invece, favorisce una maggiore aderenza alla strada.

Il circuito tedesco, come anticipato prima, presenta un totale di dieci curve a sinistra e quattro a destra. La zona è caratterizzata da condizioni meteorologiche instabili, con rapidi e improvvisi sliattamenti di temperatura. Queste caratteristiche fanno sì che il pneumatico anteriore venga particolarmente sollecitato, e proprio per questo motivo Bridgestone ha optato per una mescola dura ed extra dura, già utilizzata durante il Gran Premio del Qatar.

Hiroshi Yamada, Responsabile Bridgestone Motorsport, auspica uno spettacolo simile a quello registrato nel corso del Gran Premio d'Italia, spiegando come la scelta dell'utilizzo di pneumatici moto posteriori con mescola più morbida sia stata presa di comune accordo con i piloti in gara e con i team. Hirohide Hamashima, Assistente del Responsabile Sviluppo Bridgestone Motorsport, rimarca il fatto che il circuito del Sachsenring rappresenta una sfida molto impegnativa per le gomme moto, soprattutto per via delle alte temperature che si registrano nelle curve a sinistra.

Bridgestone Moto