Comunicati stampa aziendali

pubblica gratis i comunicati stampa della tua azienda. Servizio offerto da Olympos Group srl: formazione e consulenza aziendale.

venerdì 30 novembre 2012

Crediper lancia la Campagna “Crediper Prestito Auto”

Fino al 31 dicembre sarà possibile usufruire della promozione “Crediper Prestito Auto”, il  finanziamento flessibile con tasso promozionale riservato alla clientela privata delle Banche di Credito Cooperativo.  

crediper prestito autoRoma, 30 novembre 2012 - Crediper Prestito Auto è il prestito personale dedicato alla clientela privata delle Banche di Credito Cooperativo, che offre la possibilità di accedere ad un finanziamento flessibile per l’acquisto di un’autovettura, nuova o usata, nelle concessionarie o nei saloni auto e che presenta  il vantaggio di un tasso promozionale valido solo fino al 31/12/2012.

Pensato per adattarsi alle esigenze dei suoi clienti, ed ai rispettivi programmi di spesa, usufruendo della promozione Crediper Prestito Auto si potrà godere anche dei seguenti vantaggi:

  • Saltare il pagamento della rata: è possibile saltare una rata all’anno per tre volte nel corso del prestito, rimandandone il pagamento.
  • modificare l'importo della rata: dà la possibilità di cambiare l’importo della rata del rimborso una volta l’anno e fino a tre volte nel corso del prestito, aumentandola o diminuendola in base a ogni esigenza.
  • Estinguere anticipatamente : sarà possibile chiudere in anticipo il finanziamento senza incorrere in penali.
Per dare visibilità all’offerta è stata pianificata una campagna web ad hoc sui principali siti di informazione a livello locale e nazionale.

Per avere maggiori informazioni  è possibile consultare il sito www.crediper.it oppure recarsi nella filiale della Banca di Credito Cooperativo aderente all’iniziativa più comoda e vicina.

giovedì 29 novembre 2012

L'Attendibile: consumo di formaggi e rischio di patologie nel nuovo numero

Le problematiche riguardanti le patologie causate da un'alimentazione sbagliata sono sviscerate tutti i giorni dai maggiori media. Tuttavia, una molteplicità di informazioni porta anche alla creazione di luoghi comuni, molto spesso smentiti da nuove ricerche scientifiche. Il nuovo numero de L'Attendibile vuole dunque sfatare alcuni miti sull'assunzione di latte e formaggio.

Lattendibile.it27 novembre 2012 - Il nuovo numero della rivista online L'Attendibile (www.lattendibile.it) porta all'attenzione dei lettori un lavoro pubblicato da Medical Hypoteheses basato sul consumo dei formaggi in Francia e l'incidenza delle malattie cardiovascolari. La tematica risulta essere un vero rompicapo per gli studiosi, che si sono trovati davanti a ciò che è stato definito il "paradosso francese": i Francesi, pur essendo assidui consumatori di formaggio, sono tra le popolazioni in cui la mortalità per malattie cardiovascolari è fra le più basse d'Europa.

Questo fenomeno, naturalmente, non può essere attribuito esclusivamente al consumo di formaggio, ma si sono analizzate le interazioni fra più fattori: l'assunzione di vino rosso, l'impiego di porzioni di cibo più ridotte, il largo utilizzo di frutta e verdura. Ma a questi elementi elencati, tuttavia, è possibile abbinare anche l'assunzione di formaggi. In particolare, un ruolo importante potrebbe essere giocato dai peptidi bioattivi presenti in questi alimenti, che avrebbero un impatto benefico sul sistema cardiovascolare. Tra i meccanismi che i peptidi bioattivi possono innescare, figurano l'azione antitrombotica e alcuni effetti favorevoli sulla pressione sanguigna.

Un altro problema legato al consumo di formaggi riguarda l'assunzione di grassi. Spesso infatti i formaggi diventano sinonimo di colesterolo e acidi grassi saturi, corresponsabili nell'aumentare il rischio di malattie all'apparato cardiovascolare. Nello specifico, in merito agli acidi grassi saturi la comunità scientifica si è divisa: come al solito, è molto importante la prospettiva da cui si osserva il problema. Tuttavia, non solo i formaggi contengono queste sostanze, ma anche la carne e alcuni alimenti vegetali. L'analisi compiuta, pertanto, ha rilevato che l'apporto di acidi grassi saturi provenienti dal latte è meno dannoso rispetto a quelli contenuti nella carne.

Un altro studio, infatti, ha rivelato che il consumo di burro e grassi saturi di origine vegetale non ha alcun legame con il rischio vascolare. Inoltre, non esistono teorie a suffragio della tesi secondo cui a un elevato consumo di questi alimenti corrisponda un pericolo per la salute, mentre sembrano accertati i vantaggi apportati dai prodotti caseari e lattieri sul rischio di diabete di tipo 2. Sembra a questo punto ovvio che la materia dovrà essere ancora discussa e presa sotto esame, per arrivare a un'evidenza scientifica di rilievo.

Una ricerca condotta presso l'Università di Cambridge e recentemente pubblicata su "Biological Psychiatry", invece, ha come oggetto la relazione che intercorre tra alimentazione e stati d'animo, analizzando in particolare un amminoacido come il triptofano, che è un precursore della serotonina e viene assunto tramite la dieta. Lo studio ha come scopo la dimostrazione di come l'alimentazione possa influire anche sul comportamento.

Il dottor Luca Passamonti del CNR di Catanzaro ha coordinato il gruppo di ricerca analizzando i processi cerebrali di una ventina di volontari, ai quali è stato chiesto di osservare dei volti che dovevano esprimere diversi tipi di emozione dopo aver bevuto una bevanda contenente triptofano, e altre prive dell'amminoacido. In assenza del triptofano, si osserva che alcune zone del cervello (l'amigdala e i lobi prefrontali) "comunicano" in maniera scorretta.

Questo spiega perché in condizioni di digiuno, oppure durante diete squilibrate, possiamo essere facili prede di attacchi emotivi. In natura il triptofano è contenuto nel cioccolato, in alcuni tipi di pesce, ma anche nel formaggio. In conclusione, il formaggio e i prodotti caseari, se introdotti nella propria dieta in maniera equilibrata, possono concorrere al benessere psicofisico di ciascun individuo.

La redazione di Media for Health

mercoledì 28 novembre 2012

Produrre innovando: nuove misure per le start up italiane

Sulla Gazzetta Ufficiale n.245 del 19 ottobre 2012 è stato pubblicato il nuovo decreto legge che indica le ultime misure prese dal Governo per la crescita e lo sviluppo del Paese. Sul sito www.terrazzini.it tutte le informazioni a riguardo.

start up: crescere innovando28 novembre 2012 – Terrazzini & Partners, studio di consulenti del lavoro con sedi a Milano, Lodi e Vigevano, informa che sul proprio sito web, online all'indirizzo www.terrazzini.it, è stata pubblicata una nuova circolare contenente il decreto legge n.179 del 18 ottobre 2012, nel quale sono riportate alcune misure per la crescita e lo sviluppo dell'Italia, con particolare riferimento alle start up. Il documento è particolarmente interessante in quanto stabilisce una lunga serie di linee guida per le realtà imprenditoriali nate da poco, al fine di favorirne la crescita e il posizionamento sul mercato.

Le società di capitali - anche in qualità di cooperative - sono le destinatarie del provvedimento, purché sottostanti al diritto italiano; il decreto, tuttavia, vale anche per società appartenenti alla comunità europea ma con sede in Italia. Tra i requisiti che devono essere posseduti, questi sono i più importanti: la società deve esistere da non più di 48 mesi; il totale della produzione annua non deve superare i 5 milioni di euro; l'impresa non deve aver distribuito utili; il campo di interesse della società deve essere necessariamente legato allo sviluppo, alla produzione o alla vendita di servizi o prodotti che hanno a che fare con l'innovazione tecnologica.

Inoltre, l'impresa deve possedere uno dei seguenti ulteriori requisiti:

  • spese di sviluppo e ricerca uguali o superiori al 30% del maggior valore fra costo e valore totale della produzione;
  • avere in organico, a titolo di collaboratori o in qualità di dipendenti, lavoratori che possiedono un titolo di dottorato di ricerca, oppure un diploma di laurea con almeno 3 anni di ricerca presso enti pubblici o privati in Italia o all'estero: queste figure devono corrispondere almeno al 30% della totale forza lavoro impiegata;
  • sia titolare (ovvero licenziataria) di almeno una privativa industriale relativa ad un'invenzione, biotecnologica, ad una topografia di prodotto a semiconduttori o ad una nuova varietà vegetale direttamente efferenti all'oggetto sociale e all'attività d'impresa.
Il decreto prevede anche la presenza di un incubatore certificato, cioè un soggetto che offra servizi che sostengano la nascita di start up innovative, come ad esempio la proprietà di strutture, anche immobiliari, che possano accogliere aziende giovani e innovative; allo stesso modo, deve disporre di attrezzature utili allo svolgimento delle attività della start up; collabora regolarmente con università e centri di ricerca.

Tutte le restanti informazioni sulla retribuzione dei lavoratori e sui fattori che disciplinano il lavoro a termine sono sul sito sito di Terrazzini&Partners, studio di consulenti del lavoro a Milano che fornisce alle aziende servizi qualificati ed esperienza nel settore.

Terrazzini & Partners

Procreazione medicalmente assistita: summit di Osaka per la tutela del paziente

Intervista all'avvocato Costantini di Cittadinanzattiva, da sempre figura di spicco per la tutela delle coppie che hanno intrapreso il percorso della fecondazione assistita.

Tornata dall'importante meeting "Reproductive Health – Patient Summit", promosso dall'azienda farmaceutica Ferring, l'avvocato Costantini ha affrontato nel corso di un'intervista molti temi rilevanti per il tema Procreazione Medicalmente Assistita (PMA).
In particolare, l'avvocato Costantini ha sottolineato quanto sia importante realizzare un network a livello internazionale tra le associazioni in prima linea per la tutela del paziente così da creare uno scambio di informazioni continuo e costante.

Proprio il reperimento delle informazioni corrette in materia di fecondazione medicalmente assistita è uno dei punti focali delle attività di Cittadinanzattiva, associazione che opera da trent'anni nella tutela del paziente, e una delle criticità a cui le coppie vanno incontro. Spesso, infatti, le coppie che intraprendono il percorso della Procreazione Medicalmente Assistita si affidano al passaparola, alle informazioni raccolte sul web, tramite community e forum tematici, e non reperite tramite fonti ufficiali e qualificate.

L'avvocato Costantini si sofferma, inoltre, sulle coppie "drop out" ovvero su quelle coppie abbandonano la clinica che li stava seguendo che probabilmente hanno deciso di interrompere il progetto di concepire con PMA.

In base alla propria esperienza, l'avvocato Costantini evidenzia quali possono essere le criticità affrontate dalla coppia e quali accortezze si possono adottare durante il percorso di fecondazione assistita per non abbandonare il progetto. Uno dei consigli che l'avvocato Costantini si sente di dare è quello di affidarsi all'assistenza di uno psicologo e di pretendere che la clinica dedichi loro tutto il tempo necessario.
La redazione di Media for Health

Dal 2 dicembre esposizione di Roberto Mangú presso il museo di Santa Giulia, Brescia

Dal 2 dicembre 2012 al 20 gennaio 2013 presso il complesso di Santa Giulia a Brescia la mostra di Roberto Mangú Mar Adentro

Roberto Mangú - Il Rifiorimento del mondo siamo noi, 2006Il suo nome completo è Roberto Mangu Quesada, spagnolo e francese. Nato nel 1948 a Parigi, vive e lavora tra Italia, Francia e Spagna.

Da quasi trent'anni il lavoro di Roberto Mangú, attraverso la sua visione della Permanenza, sviluppa una riflessione sull'uomo, sullo spazio e sul tempo, proponendo opere che interrogano e indagano con forza l'avvenire dell'uomo attraverso una definizione di uno spazio-tempo intemporale, ancorato alle più profonde origini, proiettando l'instante di un presente già quasi futuro.

La pratica artistica di Roberto Mangú si è sviluppata tra Siviglia, Madrid, Milano, Bruxelles e Parigi, ed è sempre stata profondamente contraddistinta dalle sue origini mediterranee, al tempo stesso italiane e spagnole. A partire dagli anni '80 Mangú compone un'opera incentrata sull'essenza mitica dell'uomo e sulla sua capacità di agire nel mondo lasciandovi la propria impronta. Per lui «la pittura è essenzialmente una risposta costruita all'interrogazione del mondo attuale». Egli lavora alla costruzione di un linguaggio pittorico che celebri e simboleggi la libertà, la speranza, il carattere sacrale della vita.

La sua arte si riferisce alla permanenza di tutto ciò che continua a esistere attraverso i tempi. Molte sue opere sembrano tracciare i contorni di nuovi miti contemporanei. Altre (serie di architetture monolitiche o Megaliti) appartengono alla tradizione delle «pietre sospese», trait d'union tra la sfera terrestre e quella celeste.

Alla fine degli anni '80 Mangú inaugura un ciclo di pitture intitolate Gli uomini in piedi, in riferimento alla posizione dell'uomo di fronte alla propria storia e al proprio tempo. Questo periodo è segnato dal suo soggiorno milanese che lo lega a Philippe Daverio, il quale scrive: «Ciò che mi ha colpito, la prima volta che ho visto i tuoi quadri, è lo spirito feroce, ribelle e indomabile che li animava. Ciò che mi ha convinto della loro autenticità era quanto essi corrispondessero al tuo aspetto medesimo. Mai come oggi nelle arti visive domina il perbenismo, e anche il buon gusto. Un elegante sistema mondiale della critica evita ogni caduta di tono verso la vita. E se già bisogna ogni tanto essere un poco anticonformisti, questione di buone maniere, la provocazione codificata delle grandi mostre offre uno sfogo popolare quanto delicatamente rassicurante. Ciò che ho apprezzato in modo quasi ottuso è la tua fede, anch'essa quasi ottusa, nella virtù benefica e giovevole dell a pittura nella sua versione più classica di linguaggio per gli appassionati della materia colorata. Da circa vent'anni è riemersa la legittimazione della pittura, secondo il termine oggi corretto di worldwide. Questa legittimazione ha consentito la riconversione professionale di vaste aree di artisti poveri, ma non è ancora stata sufficiente a generare una pratica dell'uso di pennelli e colori da considerare realmente soddisfacente, né per i creatori né per i loro utenti. Tu non hai ricominciato a dipingere. Tu hai sempre dipinto. E persisti nel dipingere a modo tuo, con tanto vigore. La tua visione fisica e corporale, la tua visione metafisica, è come le tue radici lontane nelle vie di Parigi, quelle dei gitani, là dove anche il Grande Inquisitore è tollerato, vive ancora in una roulotte insieme a un mangiatore di spade e sogna l'arrivo di un'improbabile Carmen che gli farà girar la testa verso la luce...» («Lettera al mio caro Roberto Mangú», in Roberto Mangú. Permanenza, ed. Shin Factory, Brescia, 2007, p. 6).

Alcuni anni dopo, a metà degli anni '90, Mangú si trasferisce a Madrid e realizza I Grandi Santi, insieme di tele di sorprendente forza e attualità. L'apparizione del Mintak – entità personificata creata dall'artista alla fine degli anni '90 – conferisce una nuova dimensione alla sua opera. Tra figura mitica e spirito magico, Mintak, da allora, percorre l'opera del pittore materializzando la compresenza, nello spirito dell'Uomo, dell'immutabilità del Reale e del Tempo. Gli anni 2000 vedono la persistenza di elementi dominanti come il Mintak, il quale continua a viaggiare nelle opere dell'artista incarnando quella Permanenza che egli ha saputo riattivare anche nel superamento di una pittura sempre più ancorata a un Mediterraneo ideale, supporto di sogni immutabili e sempre portatori di una prospettiva atemporale attinta nella profondità di un mare tormentato.

Info: tel. 340.1039701
stelladomi@aol.com

Fondazione Brescia Musei
www.bresciamusei.com
info@bresciamusei.com
info: tel.030.2400640

Roberto Mangú - Mare Adentro - 3.1, 2011

Roberto Mangú
Mare Adentro - 3.1, 2011
Huile sur toile, 150 x 150 cm
foto: Katrine Baumann

martedì 27 novembre 2012

Autunno 2012: alcuni consigli su come difendersi dagli acari della polvere

Come si fa a fronteggiare un nemico invisibile? Il portale Acaridellapolvere.it fornisce alcuni utili consigli per combattere in maniera vincente la presenza degli acari all'interno della propria casa.

Gli acari sono i responsabili della maggior parte delle allergie che coinvolgono il sistema respiratorio. In particolare, gli allergeni sono contenuti nei rifiuti di questi organismi: una volta inalati, essi possono causare l'infiammazione delle vie respiratorie, apportando notevoli disagi ai soggetti più esposti.

La difficoltà nel contrastare l'allergia agli acari risiede nel fatto che questi piccoli animaletti, peraltro molto simili ai ragni, non sono visibili a occhio nudo, e proliferano negli ambienti caldi e umidi, ma anche e soprattutto nei luoghi dove è presente la polvere.

Con il sopraggiungere della stagione autunnale, l'aumento dell'umidità dovuto alle piogge e ai rovesci temporaleschi, insieme al frequente ricorso a sistemi di riscaldamento negli spazi domestici, può favorire la crescita degli acari. Questi organismi, infatti, prediligono ambienti la cui temperatura si aggira intorno ai 20°, e tendono a manifestarsi laddove il tasso di umidità è più elevato.

Gli acari si nutrono solitamente delle scaglie di pelle, ma non disdegnano i resti di cibo, come ad esempio le briciole che cadono sul pavimento. La maggior concentrazione di acari è presente nei materassi, nei cuscini e nelle coperte imbottite. È necessario prestare la massima attenzione anche a tappeti, moquette e tendaggi, supporti sui quali questi organismi trovano terreno fertile per la loro proliferazione. Un rimedio efficace, specialmente per quanto riguarda la biancheria della casa, consiste nell'utilizzo di apposite coperture anti-acaro; oltre al loro utilizzo, è consigliabile esporre al sole cuscini, materassi e piumini, perché gli acari non tollerano i raggi solari.

Un altro accorgimento consiste nel lavare frequentemente la biancheria da letto a temperature elevate. Una casa anti-acaro, forse, non sarà realizzabile al 100%, ma limitare la presenza di questi ospiti indesiderati è un obiettivo a cui soprattutto i soggetti allergici devono mirare. Per esempio, prediligere nell'arredamento mobili facilmente spolverabili, tenere libri e giochi in scaffalature chiuse - in modo tale da scongiurare un accumulo della polvere -, evitare letti e mobili imbottiti, può rappresentare una strategia efficace per difendersi dagli acari.

I bambini sono i soggetti più a rischio, in quanto il loro organismo non è ancora dotato di tutte le difese necessarie contro questo tipo di allergia. Per rendere la casa più sicura, da questo punto di vista, è possibile ricorrere a prodotti che possono essere spruzzati negli angoli dove generalmente si raccoglie la polvere, per cercare di limitare lo sviluppo degli acari.

Viaggiare, e soprattutto sostare negli alberghi, può rappresentare un ulteriore problema per chi soffre di allergia agli acari. A tal proposito, sul portale www.acaridellapolvere.it si possono trovare utili consigli per chi desidera avere gli strumenti giusti per muoversi in tutta sicurezza anche fuori casa.

Le informazioni contenute nel portale, quindi, hanno lo scopo di aiutare i soggetti allergici (e non) a migliorare la qualità della propria vita. La rete, ancora una volta, diventa un veicolo privilegiato per diffondere informazioni tese ad elevare il proprio benessere e prendersi cura della propria salute. Gli utenti più sensibili alle problematiche riguardanti l'allergia agli acari troveranno notizie e suggerimenti utili per combattere in maniera più efficace la presenza degli allergeni in casa propria.

La redazione di Media For Health

Wellnet è fra gli organizzatori del Drupal Day Roma 2012!

Il prossimo 1° dicembre si terrà la seconda edizione dell'evento dedicato al CMS Drupal.

DrupalDay Roma 2012Milano, 23 novembre 2012. Dopo il successo della passata edizione, il 1° dicembre p.v. ritorna il Drupal Day, evento dedicato al CMS Drupal dove parteciparanno tecnici, aziende, pubbliche amministrazioni e creativi del settore informatico.

Location dell'evento sarà la Facoltà di Ingegneria dell'Università RomaTre (Roma), già meta affermata di importanti conferenze tecnologiche. Evento gratuito, per partecipare bisogna registrarsi al sito http://roma2012.drupalday.it.

Wellnet insieme a Twinbit, bmeme e nois3lab, aziende specializzate nella configurazione e personalizzazione della piattaforma Drupal sia a livello nazionale che internazionale, hanno organizzato l'evento.

In questa 2° edizione si punta molto sull'internazionalità ospitando grandi professionisti stranieri come Vesa Palmu CEO di Wunderkraut, Fabien Potencier project founder di Symfony e Cyril Reinhard Direttore Regionale di Acquia per il Sud Europa. Un'altra grande novità di quest'anno è la partnership con il Cleanweb Hackathon, evento parallelo che si svolge da venerdì 30 novembre fino a domenica 2 dicembre nella stessa sede.

Eugenio Minardi, Software Architect di Wellnet, ha commentato «Sono contento del contributo che Wellnet ed io personalmente siamo riusciti a dare al gruppo, impegnandoci e riuscendo a portare ospiti internazionali di alto profilo e rilevanza. Anche quest'anno gli sforzi congiunti di Wellnet, Twinbit, bmeme e nois3lab hanno dato i loro frutti, tanto da registrare il tutto esaurito a pochi giorni dalla messa a disposizione dei biglietti! Questo non è tutto: a seguito di grande richiesta degli utenti di Twitter, siamo riusciti a mettere a disposizione nuovi biglietti.»

Wellnet sarà presente a Roma con tutto il suo team: venite a trovarci al nostro stand!

Wellnet S.r.l. - Ufficio Stampa
Piazzale L. Cadorna, 13
20123 - Milano
Tel.: (+39)02.87.39.86.38
Fax: (+39)02.99.98.58.77
e-mail: press (at) wellnet.it
web: www.wellnet.it
Facebook: facebook.com/wellnet
Twitter: twitter.com/wellnet

sabato 24 novembre 2012

Nasce www.4TRIBE.com lo specialista degli adesivi per decorare l’auto.

4TRIBE.com è il portale di riferimento per la personalizzazione adesiva dell'automobile

Milano, Novembre 2012 – Personalizzare l'aspetto dell'auto da oggi sarà facilissimo.

STICASA, azienda milanese nota per gli adesivi murali di design (www.sticasa.com) e per la decorazione della cameretta (www.stikid.com), lancia il sito www.4tribe.com dove gli appassionati da oggi trovano una fantastica gamma di stickers per auto, le cui misure e colori possono essere personalizzati per qualsiasi modello di vettura.

La decorazione adesiva delle auto rappresenta un mercato maturo in Germania dove gli sticker per auto sono molto diffusi sia per la decorazione promozionale di automezzi aziendali che per il tuning estetico. Negli ultimi anni anche in Italia grazie ai kit adesivi forniti dai produttori come optional su alcuni modelli di grande successo tra i giovani come la FIAT 500 e la MINI, il pubblico ha iniziato ad apprezzare gli stickers che soddisfano l'esigenza di rendere unica la propria amata quattroruote.

4TRIBE.com nasce con il dichiarato scopo di diventare il punto di riferimento italiano ed europeo per gli stickers aftermarket per la personalizzazione dell'auto.

Il Design proposto è in grado di soddisfare i gusti più disparati: si va dagli adesivi di ispirazione "tuning" come le strisce da collocare sul cofano (collezione "STRIPES"), ai temi floreali (collezione "FLOWER") rivolti al pubblico femminile. Non mancano ovviamente grandi classici come i numeri (da gara e non) e le fiamme. Dal punto di vista tecnico il sito consente non solo la scelta delle dimensioni del singolo adesivo, ma anche di numerosi colori, compresi materiali speciali in rilievo come il CARBON che riproduce la fibra di carbonio.

La qualità dei materiali utilizzati e le video-istruzioni messe a disposizione degli utenti rendono l'applicazione alla portata di tutti, senza la necessità di ricorrere a professionisti.

Oltre agli adesivi "universali" adattabili ad ogni modello di auto, nei prossimi mesi saranno disponibili numerosi KIT dedicati a singoli modelli. Oltre a quelli già presenti per la SMART, saranno a breve disponibili quelli per la FIAT 500 e la MINI.

Sul sito sono poi a disposizione due differenti SIMULATORI che consentono di ottenere in pochi istanti una preview dell'effetto finale dello sticker sulla propria auto.

Per materiale e INFO: press (at) sticasa.com NUMERO VERDE 800.188.646

STICASA S.r.l.
Via Mascheroni, 29
20145 Milano
Tel. 02.4071900
Fax 02.91390619

martedì 20 novembre 2012

Una nuova generazione di spille e spillette personalizzate in 3D

Nasce una nuova tecnologia di produzione per le spille e spillette personalizzate in 3D e la B&P Fusioni è la prima azienda a portarle in Italia.

spille e spillette personalizzate in 3DB&P Fusioni sas, azienda leader in Italia nella realizzazione di gadget in metallo pressofuso, è lieta di annunciare il lancio del nuovo sito web dedicato all'offerta di spillette, distintivi, pins e spille personalizzate da giacca, realizzate con nuove tecnologie produttive.

Nel 2012 la B&P Fusioni sas ha compiuto importanti investimenti per modernizzare i propri impianti produttivi ed offrire prodotti ancora più belli ed innovativi; l'azienda ha soprattutto investito in un nuovo sistema produttivo che le permette di realizzare spillette da giacca "coniate" con grafiche tridimensionali ottenute in metallo. Grazie a questa tecnologia l'azienda è oggi capace di produrre delle vere e proprie "sculture" da indossare, delle spille da giacca preziose ma al contempo economiche" fino a pochi mesi fa era impensabile avere delle spille del genere a questi prezzi" afferma l'amministratore dott.Mario Passamonti.

L'investimento in impianti produttivi è stato seguito da altrettanto ingenti investimenti in web marketing, l'azienda ha infatti realizzato un sito web professionale dedicato interamente a questi nuovi prodotti, un sito molto ricco di contenuti, foto, descrizioni e filmati anche in alta definizione. Il sito è visibile all'indirizzo http://www.spille-spillette.com

lunedì 19 novembre 2012

La Ditta Tattini annuncia il suo e-commerce Dolcetradizione.it

La storica azienda dolciaria Tattini porta i prodotti tradizionali tosco emiliani sul web a portata di tutti

L'azienda dolciaria Tattini nasce nel 1973 come" il forno di paese "che, oltre a fare il pane per la frazione e gli abitanti stagionali che allora popolavano il nostro comune, sfornava i prodotti tipici seguendo le ricette della tradizione delle nostre montagne, dalla pinza alla mostarda bolognese alla raviola rossa bagnata con l'alchermes allo zuccherotto montanaro glassato con l'anice e lo zucchero.

Dal 1979 ci dedichiamo solo al dolciario, producendo i dolci tipici della nostra tradizione, con dei criteri rigidi: la massima attenzione per la qualità delle materie prime impegnate, fedeltà ed impegno alle procedure ed alle tecniche di lavorazione e studio del corretto utilizzo dei materiali per il confezionamento per mantenere i prodotti ; abbiamo adottato una produzione moderna per mantenere i prodotti ad un elevato grado di qualità ma con una durabilità che consente una buona distribuzione nel territorio regionale e nazionale, facendo diventare la nostra azienda una importante realtà nel panorama dolciario italiano.

Negli anni abbiamo mantenuto vivi tutti quei prodotti che nascono nel nostro territorio ma che qui si fermano, perché soffrono di regionalità o addirittura sono conosciuti solo a livello provinciale.

Valorizzare un prodotto dolciario da forno della nostra ricca tradizione e portarlo fuori dai confini della provincia è per Tattini divenuto un motivo di impegno per non perdere la memoria storica; ed è per questo che abbiamo pensato al progetto dell'e-commerce, per arrivare direttamente a quel consumatore che vorrebbe poter gustare le nostre specialità, ma che non le trova nel "negozio sotto casa", nasce cosi www.dolcetradizione.it un e-commerce dedicato alla vendita di Prodotti vinicoli ed agroalimentari regionali tipici della tradizione tosco emiliana, senza tralasciare però le migliori produzioni vinicole italiane ed internazionali, presenti nella collezione di vini proposta dal sito, per soddisfare le esigenze anche degli intenditori.

Il sito : www.dolcetradizione.it

Tattini S.r.l Via del lavoro, 4 Monterenzio (BO)

Fonte : www.antmerseo.it

Distribuzione professionale comunicati stampa internet
fabrizio (at) Pivari.com

mercoledì 14 novembre 2012

Economia e Politica sostiene lo sciopero e critica le politiche di austerità, rilanciando la “Lettera degli economisti” del 2010

Economia e PoliticaLa rivista online Economia e Politica, la voce più autorevole del mondo accademico progressista italiano in fatto di economia, in continuo contrasto con Lavoce.info, scende in campo sostenendo le ragioni dello sciopero di oggi, promosso dalla European Trade Union Confederation (ETUC).

La rivista, nata nel dicembre 2008 e diretta da Riccardo Realfonzo (Università di Napoli), sottolinea che i risultati prodotti dalle politiche di austerità in Italia e in Europa sono "nefasti". "Basti guardare al caso italiano - affermano - dove il "fiscal compact" firmato da Berlusconi e l'accelerazione imposta alle politiche di austerità dal governo Monti stanno aggravando la condizione economica del Paese. La produzione nazionale di beni e servizi continua a ridursi significativamente, il tasso di disoccupazione ha raggiunto un livello sconosciuto da decenni, le imprese continuano a perdere quote di mercato nel commercio internazionale. E nonostante tutti questi sacrifici l'obiettivo che il governo si era prefissato non è stato colto, se è vero che il debito pubblico italiano ha raggiunto il massimo di tutti i tempi, tanto in valore assoluto quanto come quota del Pil".

La rivista, in omaggio ai lavoratori scesi oggi nelle piazze, ripropone la pubblicazione della nota "Lettera degli economisti contro le politiche di austerità", del giugno 2010. Si tratta del documento sottoscritto da oltre 250 economisti keynesiani, che venne ripreso anche dalla stampa internazionale (tra gli altri dal Time e dal Telegraph) e suscitò un ampio dibattito. Gli economisti di Economia e Politica sottolineano che il documento del 2010 aveva previsto quali sarebbero stati gli effetti recessivi delle politiche di austerità e propongono una svolta di politica economica per la "nostra economia e per il benessere sociale".

martedì 13 novembre 2012

IG lancia la nuova pagina Facebook ufficiale

IG espande la propria presenza sui Social Media e ha da Novembre una pagina Facebook ufficiale

Milano, 13 novembre 2012 – IG, leader globale nel mercato dei CFD (Contract for Difference) su azioni, indici, forex e molti altri prodotti, lancia la propria pagina Facebook ufficiale.

Da sempre IG è una società attiva sui Social Media attraverso la promozione di contenuto di tipo finanziario e didattico nel settore del trading online. Dopo il canale Youtube, i profili Twitter (sia aziendale che dedicati esclusivamente agli analisti) e quello LinkedIn, da oggi è stata lanciata anche la pagina ufficiale su Facebook. Il nuovo profilo Facebook di IG ospiterà news di commento ai mercati, tutte le ultime novità in merito a seminari in sede ed itineranti organizzati da IG nonché video e immagini relativi alle attività della società numero uno in Italia per il trading con i CFD.

Gli analisti finanziari di IG Vincenzo Longo e Filippo A. Diodovich contribuiranno alla pagina Facebook con aggiornamenti di carattere finanziario a livello internazionale, tra cui la pubblicazione dei principali indicatori economici e tutti gli eventi che influiscono sull'anadamento dei mercati finanziari.

La sezione Eventi della nuova pagina Facebook di IG offrirà un calendario di tutti i seminari e le lezioni di trading organizzate non solo presso la sede IG di Milano ma anche itineranti, come per esempio il CFD Tour o la partecipazione ad altri eventi di carattere finanziario. Gli eventi IG sono ad iscrizione gratuita e promuovono l'approfondimento delle tecniche di trading e delle capacità di individuare i trend di mercato per un trading con i CFD di successo nel lungo termine.

Selezionando "Mi Piace" (Like) sulla pagina Facebook ufficiale di IG sarà possibile rimanere sempre aggiornati su tutte le ultime novità relative alla società direttamente accedendo al proprio profilo di Facebook.

Scopri IG sui Social Media, seleziona "Mi Piace" su Facebook http://www.facebook.com/IGItalia

IG pagina Facebook

IG, primo operatore nel trading online di CFD (Contract for Difference) in Italia e leader nell'offerta di CFD su azioni, indici, forex e molti altri prodotti, offre una soluzione completa di trading su migliaia di mercati e rivolge i propri servizi a broker, gestori di fondi, società finanziarie e investitori privati. IG è parte di IG Group, gruppo leader in servizi e prodotti finanziari sia per clienti privati sia per professionisti, quotato al London Stock Exchange e con sede principale a Londra. I dati di bilancio del 2012 (al 31 maggio 2012) evidenziano ricavi per £367 milioni.

Per maggiori informazioni contattare:

IG ItaliaUfficio Stampa IG c/o NOW!PR
Alessandro Capuano
Managing Director IG Italia
alessandro.capuano@igmarkets.it

Informazioni e apertura conto: 800 897 582
Customer service: 800 979 290
Operazioni e trading: 800 979 291
Ufficio: 02 36046619
Web: www.igmarkets.it
Daniele Comboni – danielec@nowpr.it
Mattia Zanetti – mattiaz@nowpr.it
Tel. 02.881290.1

lunedì 12 novembre 2012

“Venti di cultura” tra Azerbaigian e Italia

Giovedì 15 novembre all'Auditorium Parco della Musica di Roma un grande concerto di musica classica e tradizionale azerbaigiana celebrerà venti anni di relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

Giovedì 15 novembre alle ore 20.00 presso la Sala Santa Cecilia dell'Auditorium Parco della Musica di Roma si svolgerà un grande concerto organizzato dalla Fondazione Heydar Aliyev e dall'Ambasciata della Repubblica Azerbaigiana in Italia per festeggiare i vent'anni di relazioni diplomatiche tra l'Azerbaigian e l'Italia.

Nella serata di gala a inviti, che vedrà protagonisti personalità del mondo politico, economico, diplomatico e culturale, verrà proposto un programma musicale d'eccezione: non solo musica classica, eseguita dalla prestigiosa orchestra da camera di Baku, nota in tutto il mondo, ma anche il famoso mugam, musica tradizionale dell'Azerbaigian, riconosciuto Capolavoro Orale ed Immateriale dell'Umanità dall'UNESCO.

Madrina dell'evento sarà la First Lady dell'Azerbaigian Mehriban Aliyeva, Presidente della Fondazione Heydar Aliyev e ambasciatrice di buona volontà dell'UNESCO, da sempre attenta  a far conoscere e a promuovere la peculiarità culturale del suo paese, considerato l'ultima frontiera dell'Europa e da sempre luogo d'incontro di storia, arte, tradizioni e linguaggi.

L'Italia ha riconoscuto l'indipendenza dell'Azerbaigian dall'Unione Sovietica il 1° gennaio 1992 e tra l'Azerbaigian e l'Italia le relazioni diplomatiche vengono stabilite a partire dall'8 maggio 1992.

Negli ultimi anni il legame tra Roma e Baku si è consolidato sempre di più: da cinque anni l'Italia è il primo partner commerciale dell'Azerbaigian. Secondo dati Istat il volume delle importazioni italiane dall'Azerbaigian per il 2011 è stato di 8.237 miliardi di euro. L'Azerbaigian esporta in Italia il 40% della sua produzione petrolifera. In futuro l'Azerbiagian potrebbe diventare uno dei principali fornitori di gas per l'Italia.

Ufficio Stampa:
Tel. 06/83762267
infoconcerto(at)itmg.it

Tra le trame della storia. I tesori dell’Azerbaigian

Una nuova affascinante mostra alla scoperta della cultura Azerbaigiana dal 15 novembre al 5 dicembre presso il Braccio di Carlo Magno in Piazza San Pietro.

Tra le trame della storia. I tesori dell'Azerbaigian - 5L'Azerbaigian e il Vaticano di nuovo insieme per promuovere l'incontro di culture, tradizioni e religioni differenti. L'occasione della nuova collaborazione è la mostra "Tra le trame della storia. I tesori dell'Azerbaigian", un affascinante percorso alla scoperta del patrimonio culturale e artistico del territorio azerbaigiano, che si inaugura mercoledì 14 Novembre alle ore 19 nell'Aula Paolo VI, (Sala Nervi) a cui seguirà la visita alla mostra nel Braccio di Carlo Magno in Piazza San Pietro.
La mostra nasce per celebrare il ventesimo anniversario dall'inizio delle relazioni diplomatiche tra la Repubblica dell'Azerbaigian e la Santa Sede.

A inaugurare l'esposizione saranno la First Lady dell'Azerbaigian Mehriban Aliyeva, presidente della Fondazione Heydar Aliyev, e il Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura e della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra.

Organizzata dalla Fondazione Heydar Alieyev e dall'Ambasciata Azerbaigiana presso la Santa Sede con la collaborazione del Pontificio Consiglio della Cultura, "Tra le trame della storia" offre ai suoi visitatori 100 raffinatissimi e preziosi pezzi unici dell'Azerbaigian, una collezione composita che restituisce la varietà dei legami culturali, storici ed economici di un territorio che fin dall'antichità è stato crocevia di culture e flussi migratori: tessuti, manufatti in rame, gioielli, strumenti musicali, armi, antichissimi manoscritti e copie di miniature raramente accessibili al pubblico.

La mostra, che resterà aperta fino al 5 dicembre, è ad ingresso gratuito.

Dopo il finanziamento da parte della Fondazione Aliyev del restauro dello straordinario complesso monumentale delle Catacombe di San Marcellino e Pietro sulla via Casilina, la mostra costituisce una nuova importante tappa dei rapporti tra il Vaticano e la Repubblica dell'Azerbaigian, uno stato musulmano sciita che si presenta da tempo come una nazione "laica", dialogante, multiconfessionale. La visita di Papa Giovanni Paolo II a Baku, la capitale, nel maggio 2002 ha rappresentato il primo passo di un fecondo rapporto politico e diplomatico tra i due Stati e oggi la comunità cattolica in Azerbaigian può contare su una piena dignità spirituale e sul completo riconoscimento giuridico. Anche facendo seguito a una visita del Cardinale Gianfranco Ravasi a Baku, il 29 aprile 2011 l'Azerbaigian e la Santa Sede hanno siglato un accordo con il quale viene riconosciuta e regolata la personalità giuridica della Chiesa Cattolica in Azerbaigian.

Sede: Braccio di Carlo Magno (Piazza San Pietro, Roma)
Date: 15 novembre – 5 dicembre 2012
Orari: Lun., Mart., Giov., Ven., Sab., Dom. - ore 9.00-18.00 Merc. - ore 13.00-18.00
Info: Tel. 06/83762267 – infomostra(at)itmg.it
Ingresso gratuito

Ufficio Stampa:
Tel. 06/83762267

venerdì 9 novembre 2012

Pietro IV Candiano

giovedì 8 novembre 2012

Hobbio lancia la Guida al riscaldamento: stufe, termoventilatori o radiatori a olio?

Hobbio presenta una guida sul riscaldamento, per aiutare gli utenti ad individuare la soluzione più indicata per ogni esigenza.

stufa-a-petrolioMilano, 8 novembre 2012 - Esistono differenti tipologie di stufe: gpl, a petrolio, a pellet e altro ancora. Vediamo più nel dettaglio i vantaggi delle stufe gpl e a petrolio.
Le stufe a petrolio funzionano attraverso un combustibile liquido e inodore, permettono di riscaldare grandi ambienti (fino a 90mq), possono avere autonomia fino a 24 ore e lo stoccaggio del combustibile non richiede molto spazio. Inoltre, l’assenza della canna fumaria, permette di spostarle senza problemi. Esistono diverse tipologie di stufe a petrolio a seconda della grandezza degli ambienti da riscaldare e della tecnologia utilizzata: le stufe a regolazione manuale, dette “a stoppino”, sono indicate per localifino a 35mq; per gli ambienti fino a 45mq, invece, è consigliabile utilizzare le stufe a doppia fase di combustione. Infine, per ambienti più grandi esistono le stufeelettroniche che, oltre a permettere di regolare la temperatura automaticamente attraverso un timer presentano anche una superficie esterna antiscottatura.

radiatore-ad-olioLe stufe a gpl, stufe funzionanti a gas gpl, possono essere utilizzate in modo efficace in ambienti fino ai 35mq. Sono spesso consigliabili perché sicure e poco ingombranti e possono essere spostate agevolmente perché non hanno collegamento con la canna fumaria. Le stufe a gas si dividono in due tipologie: stufe a infrarossi e catalitiche. Mentre quelle a infrarossi concentrano il calore al centro della stufa quelle catalitiche hanno diffusione più ampia e senza fiamma esterna.

Le stufe elettriche al quarzo, invece, riscaldano direttamente ciò che è presente nel loro raggio di azione, senza riscaldare l’aria circostante. Per questa ragione hanno maggiore risparmio di energia ma tendono a essere meno efficaci nel caso sia necessario riscaldare interi ambienti.
Indipendentemente dalla tipologia di stufa utilizzata è consigliabile aerare gli ambienti ogni due o tre ore.

termoventilatoriUna valida alternativa alle stufe sono i termoventilatori, indicati per il riscaldamento di piccoli ambienti come potrebbero essere ad esempio i bagni.
Il termoventilatore funziona a corrente elettrica: tramite una ventola e una resistenza scalda l’aria e la diffonde nell’ambiente.  Il termoventilatore è maneggevole e riscalda rapidamente, anche se non può essere tenuto acceso per troppe ore consecutive; per questa ragione è frequentemente utilizzato per il riscaldamento dei bagni, per rendere l’ambiente più caldo nel momento della doccia e poi spegnerlo una volta terminato l’utilizzo.
Nel caso l’ambiente da riscaldare sia più grande è consigliabile optare piuttosto per un termoconvettore che diffonde il calore più uniformemente e può rimanere acceso per diverse ore come un classico termosifone. I consumi del termoconvettore, inoltre, sono più bassi rispetto a quelli di un termoventilatore.

Ulteriore opzione per riscaldare la propria casa sono i radiatori a olio: ne esistono di diverse tipologie, e possono essere più o meno potenti arrivando ad una potenza massima di 2200watt.
I radiatori a olio funzionano come veri e propri termosifoni, con la differenza che vanno ad energia elettrica. Non sono rapidissimi nel raggiungimento della temperatura ma una volta raggiunta  sono in grado di mantenerla efficacemente anche grazie al termostato che consente una regolazione autonoma della temperatura.

Questa guida è offerta da Hobbio: nello store online ufficiale è possibile trovare una vastissima scelta di prodotti per il riscaldamento indicati per ogni esigenza e necessità: stufe gpl, petrolio, termoconvettori e termoventilatori e radiatori a olio.  Se poi avete a disposizione un camino su Hobbio è presenta una selezione di attrezzature e strumenti per il camino oltre alla possibilità di comprare legna direttamente online risparmiando cosi tempo e fatica.
Per ulteriori informazioni consultare il sito internet www.hobbio.it

martedì 6 novembre 2012

Triboo Digitale firma il nuovo sito di Ferplast

Triboo Digitale firma il nuovo website di Ferplast, azienda vicentina leader internazionale nel mercato del pet care. Il lancio del sito rappresenta soltanto il primo tassello di un più ampio progetto di comunicazione digitale, che nasce dall'esigenza del brand di ripensare la propria presenza online.

il nuovo sito web di ferplastMilano, 6 novembre 2012 - Triboo Digitale, internet company del Gruppo Triboo (www.triboo.it), annuncia il rilascio in rete del nuovo sito web di Ferplast, azienda vicentina leader nella produzione e distribuzione di prodotti per animali. Il nuovo portale è consultabile all'indirizzo www.ferplast.com.

Ferplast, che ad oggi conta oltre 1000 dipendenti, 11 filiali e una presenza in ben 80 nazioni, opera a livello internazionale da oltre 40 anni nel mercato della new pet generation, ponendo alla base della propria mission aziendale valori fondamentali quali la passione per il mondo animale, un servizio che privilegia il cliente in ogni fase e un costante sguardo verso l'innovazione e l'aggiornamento. Questi fattori rappresentano la spinta attraverso cui l'azienda ha saputo ottenere un importante processo di crescita nel corso degli anni, che l'ha portata a firmare oltre 100 brevetti e a investire l'8% del proprio fatturato annuo nella ricerca e nel miglioramento dei propri prodotti.

Triboo Digitale ha per prima cosa curato il restyling dell'impianto grafico del sito: il nuovo portale presenta una migliore fruibilità dei contenuti e una maggiore propensione all'usabilità. Per organizzare un catalogo di oltre 3000 prodotti, infatti, era necessario strutturare l'alberatura del sito in modo razionale e ordinato, permettendo al visitatore un facile reperimento dell'articolo a cui è interessato. La nuova navigazione, da questo punto di vista, è organizzata in maniera tale da permettere all'utente di selezionare subito l'animale domestico di proprio interesse, e di individuare in pochi e rapidi click il prodotto desiderato.

Un'altra grande novità, inoltre, è costituita dalla presenza di un'area editoriale che ospita contenuti sul mondo animale: la sezione petcare conente al visitatore di ottenere consigli e informazioni su come prendersi cura in modo ottimale del proprio amico a quattro zampe, con la possibilità di condividere sulle principali piattaforme di social networking gli articoli del magazine.

Il sito nuovo, infine, dà la possibilità di contattare un esperto di Ferplast per ricevere un consiglio personalizzato, e di ottenere maggiori informazioni su tutti i punti vendita Ferplast attraverso un dettagliato store locator.

Ufficio Stampa Triboo Digitale
Nicoletta Guardasole
Tel +39 081 19808577
Fax +39 081 5702970
nicoletta.guardasole@triboo.it

TRIBOO DIGITALE

Triboo Digitale propone ai propri partner un'offerta completa e modulare di gestione in full outsourcing delle attività di commercio elettronico. Collabora nella definizione del piano strategico di sviluppo dello store, provvede all'implementazione applicativa della piattaforma e alla definizione dell'interaction design; si fa carico della gestione a 360 gradi e provvede all'erogazione dei servizi di fatturazione, incasso, store management, logistica, customer care e pianificazione media (media plan, social media, SEM, SEO).

Con Scarpe&Scarpe Vinci ogni giorno: dal 2 novembre 2012 parte il concorso per vincere esclusivi premi

Scarpe&Scarpe lancia un concorso per vincere Ipad, Fotocamere digitali, Cofanetti Emozione 3 e una vacanza ai Caraibi!

concorso-scarpescarpeTorino, 6 novembre 2012 - In tutti i punti vendita Scarpe & Scarpe dal 2 al 30 novembre 2012 sarà possibile partecipare ad un maxi concorso per vincere esclusivi premi. Per partecipare sarà sufficiente effettuare un acquisto in un’unica soluzione per un importo minimo di Euro 50,00 nel periodo dal 2 al 30 novembre 2012 e conservare lo scontrino d’acquisto.

Per giocare sarà sufficiente andare sul sito www.vinciconscarpescarpe.it entro il 30 novembre 2012 ed inserire i propri dati personali e i dati registrati sullo scontrino di acquisto. Alla fine della procedura, il software comunicherà al partecipante, mediante schermata, l’esito della giocata.  In questo modo i clienti potranno scoprire istantaneamente l’eventuale vittoria.  Sia in caso di vincita che non, i partecipanti sono invitati a conservare lo scontrino giocato, perché sarà utile non solo per convalidare le vincite ma anche per prendere parte all’estrazione finale.

I premi in palio sono unici ed esclusivi: 29 nuovi Ipad 16GB wi-fi + cellular per essere al top della tecnologia; 29 fotocamere digitali Canon IXUS 240 HS per foto di alta qualità oppure 58 cofanetti Emozione 3 validi per un weekend con cena.
Inoltre, entro il 10 dicembre 2012 sarà portata a termine l’estrazione per assegnare il maxi premio finale: una vacanza ai Caraibi per due persone del valore di Euro 10.000.  Il viaggio di due settimane sarà comprensivo di volo in economy con sistemazione in villaggio o hotel 5 stelle con trattamento All Inclusive.

Il concorso è attivo in tutti i punti vendita Scarpe&Scarpe sul territorio nazionale (escluso lo store online) e la registrazione è gratuita. Va segnalato che con lo stesso scontrino non si può giocare più di una volta e l’acquirente è l’unico responsabile dell’utilizzo e la conservazione dello stesso.

Per ulteriori informazioni sul regolamento è possibile consultare il sito www.vinciconscarpescarpe.it. Il catalogo completo della collezione autunno inverno di calzature per tutta la famiglia è invece disponibile su www.scarpescarpestore.com.

lunedì 5 novembre 2012

Sunsystem Albese con Cassano-Famila HabiMat Chieri ’76 3-2

Il Famila HabiMat Chieri ’76 torna da Albese con Cassano sconfitto ma non a mani vuote. La trasferta nel palazzetto della Sunsystem lascia in eredità sia un punto utile per muovere la classifica, sia una prova di carattere che permette la rimonta da 2-0 a 2-2. Nonostante il 3-2 al tie-break, le biancoblu hanno tanti motivi per essere soddisfatte e ripartire con entusiasmo.
Ancora privo dell’infortunata Sonia Gioria, il Chieri ’76 se la gioca alla pari contro avversarie fisicamente prestanti e di indiscusse qualità tecniche. La squadra allenata da Maurizio Cairoli, che vanta nei suoi ranghi diverse atlete con esperienza di serie A, dall’opposto Maria Luisa Elli (compagna di Gioria a Parma) alla schiacciatrice Marta Confalonieri, dalla palleggiatrice Gloria Trabucchi al libero Giulia Ronchetti, ha confermato di non essere imbattuta per caso e di meritare il secondo posto in classifica: ulteriori elementi che danno valore alla prova delle ragazze di Max Gallo.

Sunsystem Albese con Cassano-Famila HabiMat Chieri ’76 3-2 (25-20/ 25-19/ 14-25/ 19-25/ 15-9)
SUNSYSTEM ALBESE CON CASSANO: Trabucchi 3, Elli 21, Bottinelli 10, C. Confalonieri 10, Mazza 6, M. Confalonieri 15; Ronchetti (L); Fidora 1, Landoni, Colonna. N.e. Basso, Danielli. All. Cairoli, 2° Boccalupo.
FAMILA HABIMAT CHIERI ’76: Bazzarone, Gioia 19, Neriotti 14, Soriani 8, Burzio 16, Mautino 9; Magaraggia (L) 1; Levra Levron 1, Fasano 3, Zannini 1. N.e. Nada, Pesce, Vergnano (2L). All. Gallo, 2° Marangio.
ARBITRI: Gagliotti e Guglielmoni di Varese.

La cronaca
Primo set – Il primo strappo si annota sul 3-3, con un attacco di Bottinelli e due ace di Trabucchi. Chieri sale a 6-7 piazzando due muri con Gioia e Mautino e un ace con Neriotti. Sul 10-10 le comasche allungano a 14-10, ma vengono riprese sul 14-14 (veloce Soriani, ace Soriani, muro Burzio, veloce Neriotti). Al rientro dalla seconda sosta tecnica (15-16) la Sunsystem firma un parziale di 6-0. Sul 22-20 la reazione chierese è frenata da un errore in battuta di Neriotti e da una veloce fuori di Soriani. Un ace sporco di Bottinelli chiude la frazione 25-20.
Secondo set – Albese con Cassano parte subito forte con Elli (6-2). Dopo l’ingresso di Fasano per Mautino il Famila HabiMat torna sotto con Gioia e Soriani (6-5), e impatta sull’8-8 con un muro di Burzio e un ace di Soriani. Le biancoblu vanno sul 10-12 con Neriotti e Fasano, per poi incassare un buco di 6-1. Sul 16-15 la squadra di Cairoli riallunga a 19-15 e da lì in avanti amministra bene il set con Mazza e Marta Confalonieri fino al 25-19. Da segnalare sul 21-17 il primo punto di Simona Zannini (subentrata a Soriani) con il Chieri ’76 in una partita ufficiale.
Terzo set – Le chieresi iniziano bene (1-5), favorite anche dagli errori locali. Sul 6-8 Neriotti e Soriani spingono il Famila HabiMat a +6 (6-12). Nuovo strappo sull’8-14 con due punti di Gioia e due errori della Sunsystem. Da 8-18, dopo l’ingresso di Colonna e Fidora per Elli e Trabucchi, le comasche dimezzano lo svantaggio, ma sul 13-20 salgono in cattedra Mautino (per lei tre punti pesantissimi) e Soriani. Una diagonale da posto 2 di Gioia conclude la terza frazione 14-25.
Quarto set – E’ punto a punto fino all’11-11. Qui il Chieri ’76 prende in mano la partita e scappa via con Neriotti, Gioia e Mautino. Sul 12-17 Elli accorcia le distanze (14-17), le risponde Gioia. Dal 14-18 la squadra di Gallo mantiene sempre qualche punto di distacco, finché l’attacco in rete di Landoni (subentrata sul 12-17 a Bottinelli) porta le due compagini al tie-break.
Quinto set – La Sunsystem riprende a giocare forte e va subito 3-0. Chieri rientra con Burzio e Gioia (3-2), per poi rispondere con Mautino a una Elli sempre più trascinatrice. L’incontro si decide dopo il cambio campo e la fast di Neriotti dell’8-7: le sorelle Confalonieri e due errori ospiti portano il punteggio sul 12-7. Levra Levron subentra a Gioia e interrompe la serie negativa (12-8), ma è soltanto una parentesi: Elli firma gli ultimi tre punti regalando la quarta vittoria alla sua formazione.

I commenti
Max Gallo: «All’inizio abbiamo sofferto molto in ricezione, loro in battuta sono stati molto bravi a metterci in difficoltà. La cosa positiva è che nonostante le situazioni di difficoltà siamo rimasti attaccati alla partita. Ci siamo un po’ innervositi su qualche errore di troppo ma le ragazze hanno avuto un buon atteggiamento. Dal terzo set c’è stato più ordine in campo. Abbiamo degli ottimi sprazzi, chiaro che siamo coscienti di poter fare meglio: come già dicevo la settimana scorsa, dobbiamo migliorare sulla continuità della prestazione. Prendiamo questo punto e continuiamo il nostro percorso di crescita».
Simona Zannini: «E’ stata una partita coinvolgente e bella. Per noi i primi due set sono stati più difficili, poi abbiamo fatto una bella rimonta combattendo punto su punto. Peccato per non essere riuscite ad aggiudicarci il tie-break, dove forse è mancata un po’ di convinzione. Il mio primo punto con il Chieri ’76? E’ stato piacevole, ora piano piano l’importante è tornare a posto ed essere un po’ più tranquille».

Il Giorgione

venerdì 2 novembre 2012

Pietro III Candiano